Quartiere Prato pronto per la "Festa del Cordaro" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Quartiere Prato pronto per la “Festa del Cordaro”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – A partire da giovedì, fino a domenica, a Jesi ci sarà la Festa del Cordaro ad animare il quartiere Prato con spettacoli teatrali, concerti dal vivo, laboratori d’arte e benessere e di improvvisazione per tutte le età, passeggiate itineranti alla riscoperta della storia del quartiere, mostre fotografiche e tanto altro.

Il programma è stato illustrato stamane alla conferenza stampa indetta da Luca Butini, assessore alla Cultura del Comune di Jesi, che patrocina e sostiene la manifestazione,  in presenza di Micheal Bonelli e Barbara Di Pietro dell’associazione Willer & Carson, Gloria Di Pietropaolo per l’associazione “Gli Amici del Prato“. Presenti anche molti dei protagonisti di questa edizione 2017.

Un lavoro decennale quello svolto dall’associazione gli Amici del Prato, impegnata a riproporre in chiave moderna quella che dal 1968 è la manifestazione principe del quartiere, ideata dal parroco mons. Roberto Vigo e conosciuta da tutti gli jesini con il nome di la “Pratolina d’oro“.  Una festa non solo del Prado, ma una rete di artisti di associazioni culturali cittadine, di persone che abitano il quartiere da anni e di nuovi arrivati di generazioni diverse.

È soprattutto una festa non solo al Prado ma che si sposta al centro di Jesi, protagonista di una mostra dedicata unicamente al quartiere, ospitata presso la ex biglietteria del Teatro Pergolesi che esordisce come sala per esposizioni. Qui saranno allestiti una fotografica, rappresentazioni pittoriche in chiave contemporanea del quartiere, corde e materiali dei Cordari della collezione Grilli Ganzetti e Montesi a fargli da cornice dalle 17.00 alle 23.00.

Una manifestazione che vuole trasformare il quartiere PraDo nel prato di Jesi, aperto a tutti i cittadini che vogliono conoscere e riconoscere le tradizioni, i mestieri, i valori, rinnovando il ricordo di una categoria di lavoratori, i Cordari che fino a pochi decenni orsono si dedicavano alla fabbricazione di corde in canapa.

È proprio questo quello che promette la festa del Cordaro. Un’occasione per rivedersi con nuovi sguardi e riconoscersi, incontrare i propri vicini, riappropriarsi di spazi comuni – nella cornice del piazzale Aurora e della chiesa di San Sebastiano – ricoprendo la prima comunità, cogliendola da nuove prospettive, costruendo insieme la memoria collettiva per il futuro.

Si inizia giovedì alle 18.30 con una passeggiata a cura delle sorelle Fida, alla riscoperta dei personaggi, dei segreti del quartiere Prado, con partenza da piazza della Repubblica, passando per via Castelfidardo. Alle 21.00,  ad inaugurare il Parco del Prato con la pluripremiata commedia “Domà famo sciopero” in due atti in vernacolo jesino dell’Associazione Il Sipario. La serata si chiude con i giovanissimi artisti “Ticket for the Resurrection“. Ad allietare i presenti il suono ritmico dei tamburi e lo spettacolo degli sbandieratori delle Ente palio San Floriano di Jesi.

Venerdì, dopo la passeggiata itinerante con le sorelle Fida, in programma alle 18.00, il laboratorio sensoriale dedicato ai bambini arte e benessere a cura di Mara Brera. Inoltre per tutta la durata dell’evento i bambini potranno sfidarsi con i giochi da tavola messi a disposizione da Proloco e Kirikù.

Alle 21.00, ci si troverà ai Caraibi con le sonorità di DJ Gigio Alpini e gli spettacoli danzanti di Salsa bachata e Kizomba così come di diverse specialità di ballo con i maestri nazionali ed internazionali di Isla Latina e asd Dance Academy 2.0 di Jesi che coinvolgeranno il pubblico e presenteranno all’occasione un’anteprima assoluta.

Sabato dalle 15.00 si inizia con uno stage gratuito “La via dell’ improvvisazione”, che si ripeterà domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00 con Margherita Gravagna e Francesco Burroni di Ares Teatro di Siena. Il laboratorio è aperto a tutti i cittadini. Gli allievi saranno poi essi stessi protagonisti della jam session teatrale prevista per domenica dalle 21.30 e saliranno sul palco insieme a Margherita Gravagna e Francesco Burroni e Michael Bonelli.

Il programma ancora per sabato alle 18.00, il laboratorio sensoriale arte e benessere rivolto questa volta ad adulti e ragazzi, cui seguirà un action painting con gli allievi.

Alle 21.00 istituzioni, esponenti della cultura e della società civile si troveranno attorno alla tavola rotonda sul tema “Generazioni e integrazioni, riflessioni e suggestioni”: due punti saranno presenti i rappresentanti di Comune di Jesi, Caritas diocesana, Gus, centro interprovinciale per l’istruzione degli adulti per le province di Ancona e Pesaro Urbino.

A seguire alle ore 22.00 andrà in scena lo spettacolo finale del laboratorio Land del progetto migrarti con la regia di Lucia Paolo Zio Maria Grazia Tiberi.

Il sabato sera a partire dalle 22:30 si chiude con le note la musica rock folk blues degli sbalzi d’umore.

Domenica la tradizione del Cordaro si fa viva e si ripete con il maestro Pietro Montesi che alle 21:00, con l’invito “Famo a cord”  coinvolgerà tutti i presenti in un rituale storico, patrimonio immateriale jesino. A seguire alle 21.30 0 la jam session di improvvisazione teatrale, cui seguirà dalle 22:30 il piano bar karaoke di Sergio e Cri  con l’onere di chiudere con canti festosi e corali una quattro giorni densa di eventi e spettacoli al Prato. Per tutta la durata dell’evento sarà possibile visitare mostre fotografiche di arte contemporanea, libri a cura del t.n.t. Jesi e oggetti in miniatura. Verrà inoltre istituito l’archivio dei sogni del prato e raccolte le “conserve degli odori e dei suoni del Prado” a rappresentare l’identità culturale e l’idea di un futuro comunitario. Da non dimenticare di assaggiare le succulente prelibatezze del punto ristoro presenti con ricette della tradizione culinaria jesina. Per tutte le informazioni e prenotazioni è possibile contattare l’Associazione Wheeler e Carson al numero 33 33 45 45 88.

 

1 Commento su Quartiere Prato pronto per la “Festa del Cordaro”

  1. La mia famiglia paterna aveva una piccola “impresa” di canapini. Mio nonno Vincenzo Aroldo (1862-1948) esercitò il mestiere da ragazzo presso l’azienda del padre (mio bisnonno) Raffaele (1883-1903), di cui continuò l’impresa.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.