Quasi 2 mila euro di multa per un camionista, falsava i tempi di guida e riposo

JESI – Nella giornata di ieri, 1° agosto, il conducente jesino di un autotreno è stato fermato e sottoposto ad uno dei controlli che la Polizia Stradale predispone periodicamente con piani d’intervento e verifica sul trasporto delle merci sulle strade della Provincia. L’attenta ispezione effettuata da un equipaggio del Distaccamento jesino ha permesso di individuare, occultata nell’abitacolo, la presenza di una calamita idonea ad alterare il corretto funzionamento del cronotachigrafo, lo strumento di registrazione della velocità installato a bordo dei veicoli adibiti al trasporto delle merci superiori a 35 q.li.  La calamita era stata applicata al sensore elettronico dell’apparecchiatura e risultava idonea a falsare la reale velocità di percorrenza del veicolo pesante nonché la corretta registrazione dei tempi di guida e di risposo che tutti i conducente di veicoli professionali devono rispettare nella loro giornata lavorativa. Il conducente, che ammetteva di aver agito all’insaputa della Ditta proprietaria del veicolo, è stato sottoposto al pagamento della sanzione amministrativa di 1736 euro ed alle restanti sanzioni accessorie previste dal codice della Strada che prevedono l’obbligo del ripristino delle corrette caratteristiche del veicolo, il ritiro della patente fino a 3 mesi, nonché il sequestro della strumentazione.

L’importante risultato conseguito dagli operatori del Distaccamento jesino si muove nella direzione del più ampio quadro di controllo del territorio che la Polizia Stradale persegue al fine di mantenere un alto standard di sicurezza stradale sulle strade provinciali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.