Quattro anni fa a Basilea il suicidio assistito di Daniela Cesarini | Password Magazine

Quattro anni fa a Basilea il suicidio assistito di Daniela Cesarini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il 25 aprile di 4 anni fa moriva Daniela Cesarini. Suicidio assistito, a Basilea, in Svizzera. La notizia si seppe una settimana dopo e attraversò tutta la città come un pugno allo stomaco.
Aveva 66 anni Daniela, donna forte e di grandi ideali, concreta e salda nel perseguire l’applicazione di quei principi ai quali si ispirava. Senza compromessi. E molto conosciuta.
Una vita in carrozzina, causa la poliomielite – condizione, però, che affrontava senza negarsi nulla – , una vita spesa da militante comunista impegnata in politica e nel sociale, con una attenzione quotidiana e particolare verso i più deboli, ai quali, alla fine, ha lasciato la sua eredità – tramite il Comune – per una Casa famiglia destinata ai disabili e alle loro famiglie che non sono in grado di assisterli a domicilio, in via di completamento, si spera entro l’anno, nel complesso del convento delle clarisse di via San Marco.


E uno sguardo attento anche verso i bambini, per i quali, figli di immigrati, aveva organizzato le ripetizioni popolari di matematica al circolo “Carl Marx”.
Quaranta anni di politica, consigliere comunale, assessore ai servizi sociali e candidato sindaco per Rifondazione nelle elezioni amministrative del 2012. Pasionaria rossa. Pasionaria, soprattutto.
Scelse una data simbolo di libertà per poter a sua volta ritornare libera da un dolore che le si era conficcato dentro, un dolore inestinguibile, iniziato con la morte per malattia del marito nel 2008 e divenuto insopportabile, disperato, con quella dell’amatissimo figlio Diego, a soli 28 anni, il 4 gennaio del 2013.


Diego, super tifoso della Jesina e al quale gli Ultrà hanno dedicato uno splendido ritratto proprio all’entrata della curva. Diego e Daniela, ai quali sono intitolati i giochi del Dream Day, recentemente inaugurati, ai giardini pubblici.
Due vite che, per noi, ci sono ancora.

A cura di Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.