Quattro giorni di grande Jazz nel centro storico di Jesi, dal 7 al 10 agosto | Password Magazine

Quattro giorni di grande Jazz nel centro storico di Jesi, dal 7 al 10 agosto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Quattro giorni di grande Jazz nel centro di Jesi, dal 7 al 10 agosto, con Jesi Jazz Festival 2017, manifestazione promossa dal Comune di Jesi, ed organizzata da Jesi Jazz Festival e Fondazione Pergolesi Spontini.

La kermesse, che anticipa il programma del XVII Festival Pergolesi Spontini di settembre, è stata presentata questa mattina alla stampa alla presenza dell’assessore alla Cultura Luca Butini, affiancato da William Graziosi, della Fondazione Pergolesi Spontini, Samuele Garofoli e Davide Zannotti.

Il programma di questa nuova edizione propone ogni sera due concerti incentrati sull’arte della variazione, protagonisti alcuni dei più acclamati artisti e giovani promesse della scena musicale jazz.

Il Jazz Festival si apre lunedì 7 agosto alle ore 22 in Piazza della Repubblica con la Colours Jazz, l’orchestra che rappresenta il meglio del jazz marchigiano, sinonimo di grande qualità e di altissimo spessore tecnico. La formazione nasce nel 2002 da un’idea di Massimo Morganti, trombonista, compositore e direttore, che riesce a coinvolgere nel progetto i migliori musicisti marchigiani. Dopo essersi concentrata sul repertorio musiche di Maria Schneider, giovane compositrice americana e figura di riferimento della scena musicale di New York, successivamente l’orchestra collabora con Kenny Wheeler, straordinario trombettista e compositore canadese, e con artisti di riferimento tra cui Bob Bruckmayer e Bob Mintzer.

Segue, alle ore 23.30, sempre in Piazza della Repubblica il concerto di Roberto Zechini Chitarreto Quartet. Roberto Zecchini, marchigiano di Fermo, suona in molti festival e rassegne internazionali, e da sempre coniuga la passione per la letteratura, la poesia e il teatro, scrivendo, arrangiando ed eseguendo musiche per molti poeti, attori, fotografi, registi di teatro e di cinema. La formazione con cui si esibisce allo Jesi Jazz festival 2017 nasce da un progetto, il “Chitarreto” che nasce come laboratorio sperimentale itinerante ma che nella sua versione concertistica coinvolge oltre allo stesso Roberto Zecchini, anche Giovanni Baleani alla chitarra, Lorenzo Scipioni al basso e Pako Montuori alla batteria.

Entrambi i concerti sono ad ingresso libero.

Martedì 8 agosto sono due gli appuntamenti in Piazza Federico II.

Apre la serata, alle ore 22, Triat dall’idea e dal suono di Gionni Di Clemente, un eccezionale polistrumentista che avrà come ospite Greg Burk, talentuoso pianista e compositore di Detroit, tra i più raffinati della scena jazz contemporanea. Gionni Di Clemente si esibisce nei contesti più vari dal jazz alla classica contemporanea alla world music spazia dalla chitarra classica, spaziando dalle 10 corde, alla chitarra acustica 12 corde, all’oud, al bouzouki, al sitar e al mandolino. Il progetto Triat è un’evoluzione della sua musica, con l’ingresso tra le sonorità mediterranee di elettronica e strumenti non solo acustici. Greg Burk proviene da una famiglia di musicisti classici: il padre, figlio di immigrati russi e polacchi, era un direttore d’orchestra e la madre, di origine italiana, una cantante lirica.

La serata si conclude alle ore 23,30 con il Filippo Macchiarelli quintet, in un concerto che spazia dalla classica al jazz, con incursioni nel funk, rock e progressive. Di formazione eclettica, il bassista Filippo Macchiarelli, guida nell’occasione un quintetto che vede schierati musicisti di vasta esperienza quali Massimo Morganti al trombone, Mattia Feliciani al sassofono, Emilio Marinelli al piano e Luca Di Battista alla batteria. Repertorio originale, con il quale il giovane musicista marchigiano si è imposto nel prestigioso “Premio Abbado” per la categoria jazz.

Entrambi i concerti sono ad ingresso libero.

 Ancora due concerti MERCOLEDÌ 9 AGOSTO, il primo in Piazza delle Monachette ed il secondo al Campo Boario.

Alle ore 22 in Piazza delle Monachette, appuntamento con Doctor 3, il trio jazz italiano per antonomasia, formato da musicisti di eccezionale levatura come Danilo Rea al pianoforte, Enzo Pietropaoli al contrabbasso e Fabrizio Sferra alla batteria. La formazione nasce nel 1997 in occasione del primo disco, The Tales of Doctor 3, giudicato dai critici tra i migliori album dell’anno. Il gruppo ha inciso diversi dischi, con la caratteristica di sfruttare la canzone italiana come elemento necessario allo sviluppo improvvisativo. Il progetto utilizza materiali musicali eterogenei per una rilettura originale in chiave jazz che spazia da Pietro Mascagni a Sting, dai Beatles ai Red Hot Chili Peppers, da Domenico Modugno a Tom Waits.

In questo caso per assistere al concerto occorrerà 7 euro per avere i posti seduti, 5 euro per quelli in piedi.

Alle ore 23.30 (ingresso libero) al Campo Boario suona Jassamba, formazione composta Mateus Brandao (chitarra acustica, cavaquinho e voce), Irene Cacciamani (voce) e Luca Mattioni (percussioni). Il repertorio di brani editi nasce dalla voglia di avvicinare due stili molto importanti ed influenti sul panorama musicale mondiale: il jazz americano e la musica popolare brasiliana con il samba come genere predominante. Una rivisitazione di brani più o meno classici del jazz in chiave brasiliana, spaziando tra stili senza trascurare brani dalla cultura brasiliana arrangiati e cantati in inglese, in italiano e portoghese.

Gran finale giovedì Giovedì 10 agosto in Piazza delle Monachette con Roberto Gatto New Quartet (ore 22) e Gabriele Pesaresi Trio (ore 23.30).

Roberto Gatto, autentica leggenda del jazz italiano, continua il suo impegno per far crescere il movimento jazzistico sperimentando nuove formazioni con giovani emergenti. Tra i protagonisti della scena jazzistica nazionale dalla metà degli anni ’70, Roberto Gatto non ha mai esaurito la sete di ricerca unita a una straordinaria perizia, che lo ha consacrato come uno dei mostri sacri del jazz italiano. Con questa nuova formazione composta da Alessandro Lanzoni al piano, Alessandro Presti alla tromba e Matteo Bortone al contrabbasso, Gatto ritorna alla dimensione acustica con tre giovanissimi compagni di palco, tra i più promettenti musicisti della nuova generazione della scena musicale italiana. L’ingresso al concerto è di 7 euro per i posti seduti, 5 euro per i posti in piedi.

A chiudere lo Jesi Jazz Festival, in un concerto ad ingresso libero, sarà Gabriele Pesaresi, presenza fissa della rassegna, affiancato come ospite speciale da Simone La Maida al sax. La formazione, oltre a Gabriele Pesaresi al basso, è composta da altri due straordinari musicisti come Angelo Trabucco al pianoforte e Roberto Desiderio alla batteria. Altra presenza consueta allo Jesi Jazz Festival, Gabriele Pesaresi suona nelle più importanti rassegne nazionali e internazionali collaborando con formazioni come la Colours Jazz Orchestra e l’European Colours Orchestra, il The Spinning Quintet, il MP’s Jazzy Bunch, e altri.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.