Quattro mesi al Carlo Urbani per il covid, ritorno a casa per Francesco | Password Magazine
Festival Pergolesi

Quattro mesi al Carlo Urbani per il covid, ritorno a casa per Francesco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dal 15 marzo è ricoverato al Carlo Urbani di Jesi, dove ha trascorso 72 giorni in rianimazione. Francesco Foschi, 34 anni, del pesarese, lascerà oggi il letto dell’ospedale jesino, dove è rimasto per quattro mesi a causa del covid. Negativizzato, a trattenerlo è stato un lungo percorso di recupero e riabilitazione per le gravi conseguenze della malattia.

Lasciato il peggio alle spalle, ora Francesco ha voglia di riprendere in mano la sua vita: ad aspettarlo fuori c’è la sua famiglia, la sua compagna Gioia, che avrebbe dovuto sposare il 1 giugno, il suo lavoro da ingegnere civile allo studio tecnico di famiglia.

«Prima di ammalarmi ero un ragazzo in salute, con 30 chili in più rispetto ad oggi» racconta Francesco, con un filo di voce. La malattia ha infatti provocato un blocco alle sue corde vocali: una ha ripreso a funzionare mentre per l’altra ci vorrà ancora qualche mese e sedute di logopedia. In più, Francesco è costretto ad alimentarsi con una sonda allo stomaco per evitare ulteriori rischi e intossicazioni.

«Non è il massimo per un ragazzo di 34 anni – dice -. Mi reputo comunque fortunato perchè sono sopravvissuto». Francesco ricorda poco o nulla del suo arrivo in ospedale: «A marzo ho iniziato ad accusare sintomi. La febbre alta a 39, non scendeva di una linea: a quel punto il medico di base mi ha prescritto una lastra al torace e, successivamente, mi hanno anche fatto una tac. A quel punto, mi hanno consigliato di andare al Pronto soccorso e da lì non ricordo più niente. Non avevo coscienza di dove ero e di cosa mi stessero facendo. Sono entrato in coma». Trasferito da Pesaro a Jesi per sovraffollamento della Terapia intensiva, il 34enne è stato ricoverato e intubato nel reparto di Rianimazione del Carlo Urbani dove è rimasto fino al 10 maggio. Poi è stato spostato a Broncopneumologia: «È qui che ho ripreso conoscenza – ricorda -. Non ricordo niente se non la disponibilità di medici e infermieri, il mio unico contatto con la realtà. Con loro comunicavo attraverso lettere scritte, per la mia difficoltà a parlare. Inoltre non riuscivo a stare in piedi». Successivamente, Francesco  è stato trasferito al reparto di Medicina Fisica e Riabilitazione, seguito da fisioterapisti e fisiatri, tra cui il dottor Alessandro Brizi. «Piano piano sono tornato a camminare – racconta commosso -. Voglio ringraziare tutto il personale medico, infermieri e oss che mi hanno assissitto con professionalità e umanità. Sono loro le uniche persone che per mesi ho potuto vedere». Fino a fine maggio, Francesco non ha potuto avere contatti con i suoi familiari e i primi incontri sono stati con presidi di sicurezza e mascherina. «Ci potevamo guardare solo negli occhi e questo ci bastava – dice -. Con loro sono riuscito a trascorrere anche il compleanno, il 30 giugno scorso, sempre qui in ospedale. Anche il personale medico mi ha organizzato una festa». Ora il pensiero va al futuro: «Appena uscito di qui andrò a convivere con la mia fidanzata, nella casa che avrebbe dovuto accoglierci come sposi. Trascorrerò molto tempo con la mia famiglia, mi rendo conto quanto sia stato difficile anche per i miei genitori affrontare tutto questo». Più dura ancora per la compagna di Francesco, Gioia, che ha contratto il covid ma in una forma più lieve, tantoché per lei è stato sufficiente l’isolamento: «Io non so da dove arriva questo virus, non so dove e come l’ho contratto, ma c’è, la malattia esiste – afferma -. Anche io, come altri, all’inizio pensavo si trattasse di una semplice influenza mentre ora non auguro a nessuno di passare quello che ho vissuto io. A tutti dico di non abbassare la guardia ma di continuare ad usare tutte le accortezze necessarie, mascherina in primis, come forma di rispetto per se stessi e gli altri».

«Arrivato a Jesi il 15 marzo da Pesaro insieme ad altri pazienti covid, Francesco ha avuto un lungo percorso di ripresa – commenta la dottoressa Sonia Bacelli, dirigente medico ospedaliero -. Di questa malattia sappiamo ancora poco, le certezze non sono molte e ancora ci sono ricerche in corso. Un trattamento specifico non c è. In questo caso, è stata determinante la forte tempra di Francesco unita alla professionalità di medici e infermieri che hanno fatto la differenza».

A cura di Chiara Cascio 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.