«Quel 'Caffè' che ho condiviso con Draghi» | Password Magazine

«Quel ‘Caffè’ che ho condiviso con Draghi»

Uno jesino a Roma e quel professore in comune con Mario Draghi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Il professor Federico Caffé

JESI – Li divide dieci anni di differenza e non si sono mai incontrati, lui e Mario Draghi. C’è però qualcosa – o meglio qualcuno – che li accomuna: entrambi sono stati allievi del noto professore Federico Caffè.
É il Dr. Giuseppe Luciano Landi, di Jesi, a ripercorrere con la memoria gli anni dell’Università a Roma, quando conobbe il professore economista de La Sapienza di Roma e consulente di banca d’Italia ritornato negli ultimi giorni agli onori delle cronache quale docente universitario del nuovo premier Mario Draghi. 

«Qualche giorno fa mi chiama un amico ‘Luciano, Mattarella ha convocato Draghi, dicono che abbia studiato economia con il professor Caffè’. Mi tornano alla memoria i tempi alla facoltà di Scienze Economiche e Commerciali a Fontanella Borghese poi denominata Economia e Commercio. Seguire i corsi a Roma era difficile e costoso se non avevi parenti o amici. Alloggiavo in un ostello, al Pio IX vicino Castel Sant’Angelo. A quel tempo il treno impiegava molte ore, si viaggiava su sedili in legno spesso in compagnia dei contadini della Vallesina diretti al mercato romano per vendere prodotti freschi. La facoltà non aveva gli iscritti di oggi però docenti già illustri tra cui Amintore Fanfani, docente di Storia economica e Federico Caffè, di Economia politica, che gli studenti consideravano un genio. Dopo le prime lezioni, mi presentai al Professor Caffè dicendo che venivo da Jesi, mi strinse la mano cordialmente rispondendo che conosceva la città, la storia del suo Imperatore e il vissuto industriale anteguerra.

Riteneva che sdemanializzando l’aeroporto di Jesi, ancora militare, si potessero installare nuove realtà imprenditoriali, avere occupazione e benessere per la comunità. Nel tempo ebbi l’occasione di far conoscere questo parere al politico marchigiano al governo nazionale e nel 1964 l’allora Ministro della Difesa liberò l’area dove nacque la ZIPA. Caffè, un abruzzese di piccola statura, viveva soltanto per lo studio e la ricerca, amava i suoi studenti, ci stimolava a conoscere l’inglese e realtà delle politiche economiche di altri paesi.

Convinto della teoria di J.M. Keynes auspicava un’economia del benessere basata su maggiori investimenti, aumento dei livelli occupazionali e sicurezza sociale. Appariva come un uomo umile e sobrio, ma non nascondeva il vanto di avere fra i suoi studenti professionisti eccellenti, fra cui giornalisti economici, imprenditori, economisti, professori universitari. Nel 1970 fu relatore della tesi di laurea di Mario Draghi e oggi uno dei suoi studenti migliori sarà a capo del nostro Paese.

Auspico che il Professor Mario Draghi, formatosi sulle linee di pensiero per il benessere economico di Caffè, gestirà al meglio i fondi europei garantendo un cambio di passo e uno scatto di orgoglio per tutti noi italiani. Il Professor Caffè, scomparso nel 1987 e di cui tristemente non si seppe più nulla, resta per me un maestro di economia e di vita».
Dr. Giuseppe Luciano Landi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.