Raccolta solidale uova di Pasqua per 125 bambini assistiti da Caritas e servizi sociali | Password Magazine

Raccolta solidale uova di Pasqua per 125 bambini assistiti da Caritas e servizi sociali

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Proseguirà fino al 3 aprile la raccolta solidale di uova di Pasqua destinata alle famiglie in difficoltà. L’iniziativa, avviata e promossa dalle conferenze della San Vincenzo de Paoli di Jesi in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, il Rotaract, l’Avulss e l’Associazione ImpAct è pensata per donare uova di Pasqua ai ragazzini assistiti dalle conferenze, dalla Caritas e dai Servizi Sociali del Comune. Una campagna partita dal 20 marzo e che ha già raccolto decine di uova dai carrelli solidali posizionati nei supermercati Coal di piazza Vesalio, Sì con Te di via Paladini, Sì con Te di via Fausto Coppi, Sì con Te del Torrione, Santuario Madonna delle Grazie e Parrocchia San Francesco di Paola. 

«Un’iniziativa che nasce sulla scia di un progetto partito con la raccolta del materiale didattico e il Natale Solidale – fa sapere Gabriele Cinti, presidente della San Vincenzo de Paoli di Jesi, associazione cattolica che si occupa di assistenza a famiglie in difficoltà con particolare attenzione ai bambini -. Ad oggi, sono 76 i nuclei familiari da noi assistiti, per un totale di circa 400 persone, circa l’1% della popolazione jesina». Con tre conferenze nelle Marche, la San Vincenzo de Paoli ha consegnato per il territorio jesino 1000 pacchi durante lo scorso anno, del valore di circa 30 euro l’uno, con generi alimentari non deperibili raccolti per il 5% attraverso i carrelli solidali.

«A Natale sono stati distribuiti circa 125 pacchi, pari al 2,5% dei minori residenti in città, tra i 0-15 anni, in forte stato di indigenza» spiega Cinti. Tra le prossime iniziative della San Vincenzo De Paoli, illustrate durante la conferenza di ieri, corsi di formazione per i nuovi volontari e un gruppo rivolto agli assistiti per affrontare il ‘tempo sospeso’, ovvero la paura e l’angoscia derivate dal covid, con l’aiuto di psicologici e assistenti sociali. Sono intervenuti, durante la conferenza, alcuni rappresentati delle associazioni coinvolte come Gaia Baccani, presidente di Impact, Andrea Marasca per il RotarAct, Cristiana Uncini per l’Avulss.
«Stiamo vivendo un momento difficile ma senza un vivo tessuto associativo avremmo avuto problemi molto maggiori quindi sono assolutamente grata per queste iniziative – ha detto l’assessore ai Servizi sociali Marialuisa Quaglieri -. Non dimentichiamo l’aspetto che sociale del dono che non è soltanto un aiuto ma vuol dare un messaggio, “Stiamo pensavo a voi’». Durante la conferenza online, è intervenuto anche il presidente del Consiglio regionale Dino Latini: «Un’attività di servizio molto importante e che si tocca con mano, oggi più che mai è richiesto di affrontare una realtà no con uno sguardo più laterale, rivolto a chi è dietro di noi. Anche un piccolo aiuto è importante per alleviare le condizioni di chi soffre. Io sono a disposizione per ciò che possiamo con l’assemblea legislativa regionale, per Jesi e per le Marche».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.