Raddoppia l’Art Bonus a sostegno de “La Fornace”, aderisce anche Tadamon

MOIE – L’Art bonus raddoppia. Anche il 2018 per la biblioteca La Fornace è all’insegna dell’Art bonus, lo strumento che consente di finanziare la cultura attraverso un credito di imposta a chi fa donazioni liberali a favore del patrimonio culturale. Dopo gli artigiani Virgilio Contadini e Patrizia Martizzi, che lo scorso dicembre hanno regalato alla biblioteca, nell’ambito degli eventi per il decimo compleanno di attività, la prima adesione all’Art bonus, finanziando un progetto per la promozione della lettura fra i più piccoli, anche il 2018 vede un altro soggetto privato, la cooperativa Tadamon, sostenere la biblioteca con la stessa modalità. E anche la Tadamon ha scelto di contribuire all’iniziativa, individuata dal Comune, che incentiva la lettura fra i più giovani.

Ma il 2018 sarà all’insegna dell’Art bonus anche perché la Scuola di Roma di fundraising seguirà la struttura di Moie per tutto questo anno. Si tratta della Scuola che aveva selezionato La Fornace insieme ad altre 11 biblioteche in tutta Italia per realizzare il progetto Biblioraising, dedicato alla formazione, consulenza e accompagnamento nella realizzazione di progetti di fundraising, con particolare riferimento allo strumento dell’Art bonus.

Anche la cooperativa Tadamon sosterrà, dunque, i progetti della biblioteca La Fornace. In particolare finanzierà un ciclo di incontro con gli autori dedicato ai più piccoli, organizzato con la collaborazione dell’Istituto comprensivo “Carlo Urbani” di Moie.

“La nostra cooperativa – spiega la responsabile Enrica Priori – opera da 20 anni nel territorio della Vallesina quale impresa che offre servizi e lavorazioni conto terzi di vario genere con lo scopo di creare occupazione lavorativa, in particolare per persone svantaggiate. Tadamon è una parola che in un dialetto arabo significa solidarietà. La solidarietà può essere assistenza in un contesto mirato, dove si crea un’urgenza, per portare all’altro un aiuto immediato, che però esaurisce i suoi effetti in un tempo ristretto. Ma solidarietà è anche stare a fianco dell’altro e accompagnarlo in un percorso dove l’obiettivo è aiutare a ‘ritrovarsi’. Perché sostenere le attività de La Fornace? Perché la biblioteca è, per eccellenza, luogo di incontro e confronto, di ricerca e di scoperta, di divertimento e riflessione. In particolare, sostenere le attività dedicate ai più piccoli consente a noi adulti di accompagnare i bambini in un percorso che permetta loro di scoprire ed innamorarsi della lettura. Perché è nostro dovere creare le condizioni per offrire ai bambini l’opportunità di dotarsi di un grande strumento qual è la lettura: per conoscere se stessi, l’altro, per imparare a riflettere e a ‘sentire’ la nostra e l’altrui complessità interiore. Per acquisire quel meraviglioso dono che è l’empatia: un fuoco sempre accesso che genera e nutre tolleranza, rispetto, curiosità, immaginazione, creatività e voglia di fare”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*