Raddoppio ferroviario, stop al degrado del cantiere | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Raddoppio ferroviario, stop al degrado del cantiere

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Stop al degrado nell’area del cantiere per i lavori del raddoppio ferroviario. È l’obiettivo dell’Amministrazione comunale, che però deve fare i conti con diverse difficoltà, prima fra tutte l’impossibilità di intervenire all’interno del perimetro del cantiere stesso. A farlo può essere solo la ditta appaltatrice. Ma questioni burocratiche e legali stanno bloccando la situazione. Il sindaco Umberto Domizioli ha allora deciso di dare una spinta alla vicenda, con un’ordinanza che impone al Consorzio stabile Itaca la messa in sicurezza dell’area, nella frazione Moie. Lo stato di degrado della zona, compresa fra lo svincolo della superstrada e il passaggio a livello di via Torrette dovrà, quindi, terminare.

Una situazione di stallo, quella dei lavori per il potenziamento della linea ferroviaria, nella tratta Montecarotto-Castelplanio, di cui le Amministrazioni comunali di Maiolati Spontini e Castelplanio si ritrovano a subire le conseguenze da ben 15 anni. Ma la sopportazione da parte degli amministratori e dei cittadini è davvero giunta al limite. Da qui la decisione, da parte del sindaco di Maiolati Spontini, di procedere, dopo incontri, lettere e solleciti vari, con lo strumento dell’ordinanza.

Sono diverse le problematiche legate al nuovo stop dei lavori. Un fermo legato al fatto che il Consorzio stabile Itaca, che si era aggiudicato la gara di appalto, ha affidato i lavori alla ditta Tuzi Costruzioni generali, facente parte del Consorzio. Ditta che però ha chiesto il concordato e praticamente non esiste più. Ma nel frattempo ha ceduto il ramo d’azienda alla neonata Tuzi srl, che sta preparando la documentazione necessaria per il subentro. Nel frattempo però tutto è fermo. Un incubo che si ripete, dopo il fallimento nel 2004 dell’allora ditta appaltatrice CoopCostruttori, risolto solo nel 2009 quando il Comune acquistò l’area “con l’intento – spiegano il sindaco Umberto Domizioli e l’assessore ai Lavori pubblici Giancarlo Carbini – di favorire in tutti i modi la conclusione di un progetto strategico per tutto il territorio”.

Ed ora la cittadina di Moie deve di nuovo assistere all’abbandono del cantiere. Anche se era stato inizialmente messo in sicurezza e recintato, ora le erbe infestanti hanno preso il sopravvento. E visto che si trova proprio all’ingresso di Moie, non è certo un bel biglietto da visita per il Comune. “Non possiamo tollerare che il principale accesso alla cittadina di Moie – dicono Domizioli e Carbini – si presenti nell’incuria e nel degrado. Non è solo una questione di immagine. Le abitazioni della zona ne traggono le peggiori conseguenze, anche in termini di sicurezza e igiene. Inoltre la carreggiata di via Torrette, la strada che fiancheggia il cantiere, è invasa da piante ed erbe che creano una situazione di difficoltà per i pedoni e i ciclisti diretti alla ‘Via dei tesori’ per le passeggiate lungo il fiume”.

È per questo che nell’ordinanza si parla di messa in sicurezza di tutto il cantiere, con taglio delle erbe infestanti, derattizzazione periodica e disinfestazione dell’area dove vi è il ristagno di acque o comunque la proliferazione di insetti. Ma si impone alla ditta anche la verifica di tutti i fossi e le canalizzazioni delle acque meteoriche “in modo da garantire il normale deflusso delle acque in caso di temporale”. Sì, perché “un problema non ancora risolto dalla ditta – spiegano ancora sindaco e assessore – è la regimentazione delle acque, che deve essere manutenuta perché la terra si muove, le erbacce crescono e possono ostruire il percorso, dando origine a fenomeni di dilavamento ed esondazioni. È vero che si tratta di piccoli corsi d’acqua, ma sono comunque pericolosi viste le piogge attuali di elevatissima intensità”.

Ma i problemi non finiscono qui. “Se i lavori si interrompono e il cantiere non viene rimosso – fanno notare Domizioli e Carbini – non potremmo dare corso all’intervento, ormai improrogabile, per l’ampliamento del cimitero, che sorge proprio a ridosso del cantiere e dove si stanno esaurendo i loculi ancora disponibili. Un cimitero, fra l’altro, su cui grava una popolazione che comprende anche Castelbellino stazione, Pozzetto e Macine di Castelplanio”.

Sui tempi di riavvio dei lavori non sembrano esserci ancora certezze. “Se i lavori riprendessero con la Tuzi srl – ragionano sindaco e assessore – il cantiere potrebbe ripartire entro la prossima primavera, ma se così non fosse, si dovrà procedere ad un nuovo appalto. In questo caso, si ipotizza che i lavori potrebbero riprendere verosimilmente per l’estate del 2016”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.