«Raddoppio linea ferroviaria Ancona-Orte per lo sviluppo del nostro territorio» | Password Magazine

«Raddoppio linea ferroviaria Ancona-Orte per lo sviluppo del nostro territorio»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sarà discusso, nel prossimo Consiglio comunale di Jesi l’ordine del giorno riguardante i «Lavori di raddoppio linea ferroviaria Ancona – Orte», presentato dalla maggioranza a firma dei consiglieri Sandro Angeletti, Maurizio Barchiesi, Michele Caimmi e Maria Chiara Garofoli del gruppo Jesinsieme, di Matteo Baleani del gruppo Jesiamo e dai consiglieri Giancarlo Catani e Gianna Pierantonelli del gruppo Patto x Jesi.

«Questo ordine del giorno – si legge in una nota stampa – va al nocciolo di una questione importantissima per l’economia del centro Italia, in particolare quella della Vallesina, tanto da suscitare già interesse da parte di diversi altri comuni».

«Le Ferrovie dello Stato sono state per decenni un elemento fondamentale dello sviluppo delle Marche, dell’Umbria e delle regioni costiere adriatiche garantendo, con la mobilità, occupazione e sviluppo. Ma dalla fine degli anni ’80, le continue modifiche organizzative e politiche, hanno portato ad un impoverimento delle FS nella nostra regione ed i principali investimenti sono stati riversati sull’Alta Velocità che, partendo da nord a sud, si fermavano a Bologna per poi dirigersi verso il Tirreno con previsioni future di collegamento Napoli – Bari, tagliando di fatto il nostro territorio. Il tutto mentre i lavori di raddoppio della Ancona – Orte procedono a rilento da decenni.
Progetti e piani di fattibilità ci sono da oltre 10 anni e mai come oggi diventano importanti per collegare porto, aeroporto e interporto, situazioni dove sono stati fatti o ci saranno notevoli investimenti (in previsione uno logistico di enorme portata all’interporto di Jesi), tali da poterli trasformare in seri attrattori di traffico merci e passeggeri.
Inoltre la stessa Comunità Europea sta puntando sul trasporto su rotaia, con la giunta Ceriscioli prima (tramite un protocollo d’intesa tra MIT, RFI, regione Umbria e Marche) e quella Acquaroli ora (con altro protocollo tra regione Marche, Abruzzo, Molise e Puglia)».
Con questo ordine del giorno i proponenti vogliono far esprimere dal Consiglio comunale di Jesi la soddisfazione per le iniziative intraprese negli ultimi anni al fine del potenziamento e sviluppo di questa linea, «ritenendo assolutamente necessario e naturale procedere con i lavori considerandoli di importanza vitale per la regione Marche e il centro Italia tutto che ne risulterà meglio connesso e facilitato nei trasporti dall’est Europa fino alla penisola Iberica, facendo nascere un vero e proprio “corridoio” europeo».
Invitano inoltre la Regione Marche ad adoperarsi affinché «tale opera sia inserita negli impegni del nuovo Governo, sfruttando tutte le opportunità economiche e finanziarie esistenti, inclusa l’occasione irripetibile del “Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”. Inoltre invitano tutte le associazioni, partendo dall’ANCI, a sostenere questa scelta con una posizione unitaria».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.