Raffica di furti, secondo colpo alla Nautes. Colpite altre due aziende | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Raffica di furti, secondo colpo alla Nautes. Colpite altre due aziende

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Ancora raffica di furti in zona industriale e dintorni. Almeno tre i furti registrati nella notte tra giovedì e venerdì. Per alcune aziende è stato il secondo colpo in pochissimo tempo.

È il caso di Nautes, impresa che si occupa di informatica e innovazione digitale, in viale don Minzoni: qui i ladri sono ripassati per la seconda volta in dieci giorni. Nel primo raid, erano entrati forzando la porta d’ingresso, poi erano passati a ripulire gli uffici rubando diversi computer, palmari e altro materiale da lavoro per un valore di diverse migliaia di euro. Stavolta, invece, sono entrati forzando la finestra, eludendo così anche i controlli della vigilanza notturna. Una volta dentro, hanno rubato i computer nuovi che erano stati appena acquistati, compreso un iMac di ultima generazione.

Il bottino complessivo è di qualche migliaio di euro, inferiore alla volta scorsa ma che ha suscitato nel personale comunque tanta rabbia e indignazione .  Saccheggiati anche i distributori di bevande e merendine, dove sono stati prelevati gli spiccioli.

Durante la nottata, i ladri sono passati anche al laboratorio artigianale di Ciro & Pio, in via Don Luigi Sturzo, non lontano dalla Nautes.

Dopo aver divelto il vetro di una finestra con un piede di porco, sono andati a caccia di denaro, buttando tutto a soqquadro, frugando in armadi e cassetti negli uffici. Hanno rubato denaro e anche degli attrezzi: in tutto si parla di un bottino di 2 o 3 mila euro.

Un terzo furto si è verificato al Ristorante Rusticanella, in via Ancona. Qui i ladri erano già stati il 12 agosto scorso. Dopo aver scassinato la porta, hanno fatto razzia di sigarette e accendini, per un valore complessivo di circa 8 mila euro. Poi hanno preso degli attrezzi da un magazzino e le macchine slot da gioco, trasportandole in mezzo ad un campo: qui le hanno distrutte a colpi d’ascia e asportato la somma di 1800 euro in esse contenuta.

Sui furti stanno indagando i carabinieri, che hanno già raccolto indizi e rilevato le impronte. Non è escluso che, dati anche i recenti furti nella zona industriale e il simile modus operadi, si tratti della stessa banda di delinquenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.