Raffineria di Falconara, le proteste dei cittadini su Striscia La Notizia | Password Magazine

Raffineria di Falconara, le proteste dei cittadini su Striscia La Notizia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FALCONARA MARITTIMA – La raffineria di Falconara Marittima su Striscia La Notizia. Pinuccio, inviato del noto programma televisivo in onda su canale 5, ha raccolto le preoccupazioni degli abitanti che si lamentano per i gravi problemi ambientali di salute e di sicurezza dell’impianto. Il servizio (qui per vederlo) è andato in onda ieri sera e ha visto l’intervento anche di Roberto Cenci, rappresentante del Comitato Mal’aria di Falconara, e di Fabio Amici dell’associazione dei consumatori e utenti Acu Marche.

Nel servizio si parla degli incidenti che hanno interessato l’impianto negli ultimi 20 anni, dagli incendi agli sversamenti, fino alle esalazioni e alla colonna di fumo che lo scorso anno si è levata in cielo rendendosi visibile fino a Cingoli.

Dopo i rumori assordanti avvertiti dalla popolazione tra il 29 marzo e l’11 aprile, anche il Ministero dell’Ambiente aveva messo in campo l’Ispra per verificare il rispetto delle prescrizioni dell’Autorizzazione integrata ambientale da parte della raffineria Api. Ne era stato data comunicazione anche al sindaco Stefania Signorini, a seguito delle richieste di intervento del Comune.

Il Ministero dell’Ambiente, oltre a mobilitare l’Ispra, aveva anche chiesto alla raffineria Api di «fornire ogni ulteriore informazione ritenuta utile e ulteriori dettagli integrativi in merito agli eventi segnalati».
Le prescrizioni dell’Autorizzazione integrata ambientale (Aia) prevedono che l’azienda informi tempestivamente di eventi, anche di natura acustica, che possono comportare effetti percepibili all’esterno della raffineria. Di tali eventi l’azienda deve informare non solo il Comune, ma anche lo stesso Ministero dell’Ambiente, Regione, Provincia, Arpa Marche, Asur e comando provinciale dei vigili del fuoco. Se l’Ispra dovesse accertare che le prescrizioni non sono state rispettate, stando a quanto previsto dalle norme, potrebbero scattare una diffida e provvedimenti sanzionatori da parte del Ministero.

Il Ministero dell’Ambiente aveva anche preso in considerazione le segnalazioni di esalazioni tipo idrocarburi avvertite il 4, 5 e 6 aprile, come emerge da un’ulteriore lettera, indirizzata alla raffineria e per conoscenza anche al sindaco in risposta a una missiva del Comune del 6 aprile.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.