Teppisti sfregiano il monumento ai caduti, Bacci posta video sul web: “Immagini che fanno riflettere”

JESI – Cestini e fontanelle divelti ai giardini dell’antistadio, altalene per disabili smantellate, sedie distrutte e giochi per bambini distrutti nei parchi. A questa lunga fila di atti vandalici, recentemente registrati e raccontati nella nostra città, si aggiunge anche un video sui social che riprende alcuni ragazzini terribili che non trovano di meglio da fare che giocare, sbattendo di qua e di là quasi fosse un pallone, la corona d’alloro del monumento ai caduti dei giardini pubblici.
Un gesto che spinge il sindaco Massimo Bacci a denunciare il fatto sulla propria pagina social: “Credo sia una testimonianza diretta del forte disagio giovanile che si registra anche nella nostra città – scrive – La si può chiamare semplice bravata o atto teppistico, non è questo il punto. Il punto è che dietro questi episodi di vandalismo che si ripetono con troppa frequenza a Jesi, e che vanno certamente condannati, vi sono probabilmente disturbi di comportamento, ricerca di diversivi ad una vita monotona, sensi di vuoto nei nostri giovani che devono essere affrontati con grande responsabilità”.

Il sindaco aveva dunque percepito, e molti cittadini glielo hanno confermato, questo diffuso senso di malessere: “Per questo ho voluto istituire in questa nuova Giunta un assessorato dedicato proprio ai giovani, finalizzato a svolgere azioni ed attività nel campo dell’educazione civica, ma anche a favorire interventi di supporto a famiglie e scuole affinché vi sia una collaborazione condivisa nell’affrontare tale disagio – spiega Bacci – Come genitore, ancor prima che come sindaco, ne sono preoccupato”.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*