Tabaccheria rapinata, il titolare: «Ero solo con una pistola puntata contro» | | Password Magazine

Tabaccheria rapinata, il titolare: «Ero solo con una pistola puntata contro»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Tommaso Lucarelli

JESI – Sono stati veri e propri attimi di terrore quelli vissuti ieri all’interno della Tabaccheria Lucarelli di via Marche, quando, intorno alle 19.50, due criminali armati hanno fatto irruzione nel negozio pretendendo l’incasso. È la seconda rapina in tabaccheria a Jesi in pochi giorni: un episodio analogo era avvenuto il 12 marzo scorso, in via delle Nazioni, ai danni dell’attività gestita da Marco Novelli.

Stavolta a trovarsi una pistola puntata contro è stato Tommaso Lucarelli, 27enne jesino, che da pochi mesi è titolare della tabaccheria.

«Era l’orario si chiusura, ero solo e stavo chiudendo i conti e facendo la resa dei giornali – ci racconta Tommaso – Improvvisamente entrano questi due individui, un uomo e una donna, entrambi con il volto coperto per metà da un berretto che arrivava fino alle sopracciglia e per metà da una sciarpa. Li per lì, pensando fossero ben coperti per il freddo di questi giorni, li ho accolti come fossero clienti».

E invece l’uomo dal volto travisato estraeva di colpo la pistola e gliela puntava, dicendo: «Questa è una rapina, fuori l’incasso».

«Inizialmente pensavo si trattasse di uno scherzo e gli ho anche risposto male. Quando però ho sentito lo scatto metallico della pistola ho realizzato che dovevo mantenere la calma e pensare alla mia incolumità».

La descrizione dei criminali e il loro modus operandi corrispondono a quanto avvenuto il 12 marzo scorso alla Tabaccheria Novelli: la donna, armata di taglierino, raggiungeva il giovane dietro il bancone, trattenendolo per un braccio mentre con la mano sinistra prelevava l’incasso di 3 mila euro.

«Era il giorno dell’estrazione, sapevano di trovare quindi maggior denaro in cassa. Non saprei dire con certezza se stranieri o italiani, parlavano pochissimo. Lei mi sembrava avesse un accento del sud Italia – ricorda il titolare, ancora sotto choc – L’azione criminosa si è conclusa in pochissimi minuti: poi sono scappati a bordo di una panda bianca che avevano parcheggiato qui davanti, pronta per la fuga».

Sono in corso le indagini dei carabinieri che nei prossimi giorni verificheranno le immagini delle telecamere di videosorveglianza per carpire ulteriori dettagli utili a risalire ai colpevoli del crimine commesso.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.