Rapinano un uomo per comprarsi l'Iphone, accusati due ragazzi stranieri | Password Magazine
Festival Pergolesi

Rapinano un uomo per comprarsi l'Iphone, gli aggressori due ragazzi stranieri

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un uomo di 37 anni, I.M.M., è stato aggredito ieri nel primo pomeriggio da due diciannovenni stranieri, nei pressi del parcheggio scambiatore della stazione.

L’uomo, un agente di commercio milanese, era a Jesi per lavoro. La vittima conosceva il suo aggressore,  identificato in D.O. , un ragazzo di origine marocchina,  residente a Jesi, con cui aveva preso accordi per un caffè insieme.

Il ragazzo si era presentato all’appuntamento insieme all’algerino W.M.  e, dopo aver fatto tappa tutti e tre in un bar, aveva chiesto all’uomo di accompagnare il suo amico a prendere il treno in stazione. Non conoscendo bene la città, il 37enne si era lasciato guidare dai due ragazzi fino alla stazione quando, ad auto ferma, l’algerino lo aveva bloccato al collo con la cintura di sicurezza dal sedile posteriore mentre D.O., da quello laterale, lo prendeva a pugni sullo stomaco.

Nella colluttazione, l’uomo ha perso i sensi per qualche attimo, il tempo sufficiente per essere derubato dai due giovani che, intascate 200 euro dal portafoglio, sono poi scappati via a piedi.

Ripresi i sensi lo sventurato ha chiamato il 113 e denunciato il fatto alla Polizia che è intervenuta sul posto con due pattuglie della squadra investigativa.
D.O. è agli arresti per rapina aggravata e lesioni gravi. Accusato anche W.M. che, intorno la mezzanotte, è stato identificato e denunciato per la complicità di reato.

Sfortunatamente, i due ladri si erano già disfatti del bottino, speso, secondo quanto riportato da uno dei due aggressori, per acquistare un Iphone.

 

 

 

a cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.