Rapinatore seriale, San Giuseppe sotto scacco: si vive nel terrore

JESI – Rapinatore seriale tiene sotto scacco il quartiere San Giuseppe che, da un mese a questa parte, vive nel terrore. Sui social scatta l’allarme dei genitori: “E adesso che hanno riaperto anche le scuole, che cosa succederà?”, qè la voce di una delle tante madri che vive nella zona e che tutti i giorni accompagna il proprio figlio a scuola.

Dopo l’aggressione del rapinatore seriale avvenuta venerdì sera a discapito di un anziano pensionato, gli abitanti del quartiere hanno paura perfino di passeggiare da soli e di uscire nelle ore buie. Nell’aria si respirano ansia e paura, le persone hanno timore di recarsi alle poste o in banca. E quello che spaventa di più è che si hanno poche informazioni riguardo l’identità del soggetto: si tratterebbe di un giovane straniero di colore di età compresa tra i 25 e i 30 sempre munito di cappuccio o di un berretto scuro. Anche l’orario in cui colpisce è un’incognita, le prime rapine sono avvenute di notte, mentre l’ultima in pieno giorno (tra le 12 e le 13). Ma c’è una costante: le sue vittime sono anziani, donne e minori. Il rapinatore è in cerca di denaro o oggetti di valore e li ottiene aggredendo anche fisicamente o con oggetti appuntiti come il caso della bottiglia di vetro. Per ciò che riguarda l’ultima aggressione avvenuta in pieno in giorno, ci sono delle riprese fatte da alcune telecamere della zona che hanno presumibilmente catturato l’identità dell’assalitore e che sono attualmente nelle mani dei Carabinieri e per questo non possono essere divulgate.

C’è stata una forte collaborazione tra i commercianti di via San Giuseppe, che hanno fornito registrazioni e utili informazioni alle forze dell’ordine per le indagini. In particolare, si è esposto Marco Giampaoletti, gestore dell’edicola che fa angolo tra Via San Giuseppe e Via Garibaldi e che ricopre anche il ruolo di consigliere comunale per Insieme Civico. Motivo per il quale molti residenti si sono rivolti a lui per chiedere più tutela della sicurezza in questo delicato momento del quartiere: “Le persone sono spaventate, soprattutto gli anziani che hanno terrore anche di uscire di casa – è il commento di Marco Giampaoletti preoccupato per la situazione della sua zona – Tempo fa avevo avanzato la richiesta all’Amministrazione comunale di installazioni di spycam per il Campo Boario. Inoltre, sarebbe opportuno installarne altre alla rotatoria di Via San Giuseppe che, tra le altre cose, è spesso teatro di incidenti stradali, così da consentire alle forze dell’ordine di avere ampia visione su ben quattro strada”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*