Rapinatore seriale, un minore preso a pedate e colpito con una bottiglia | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Rapinatore seriale, un minore preso a pedate e colpito con una bottiglia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Non risparmia neanche i giovani il rapinatore seriale che nell’ultimo mese ha messo a segno almeno 7 colpi – tra tentati e riusciti – nella zona compresa tra il quartiere San Giuseppe e Porta Valle. 

C’è anche un minore infatti tra le persone aggredite. A parlare è la mamma che racconta a Password: «È successo il 1° dicembre a mezzanotte. Mio figlio sedicenne stava tornando a casa. Era arrivato nei pressi della farmacia di Largo Grammercato quando è stato buttato a terra, preso a pedate e colpito con una bottiglia di vino rotta». Nella colluttazione, il 16enne è poi riuscito a scappare, uscendo illeso da quel brutto incontro, nonostante il grande spavento.

Questo è solo una delle cinque rapine che, durante quella sera, si sono consumate – tra tentate e riuscite – tra il quartiere San Giuseppe, zona Torrione e Porta Valle. Durante la stessa sera era stata rapinata anche una donna lungo viale del Lavoro che aveva appena prelevato contanti allo sportello bancomat, sempre minacciata con la bottiglia rotta, la donna aveva subito consegnato il denaro al malfattore. Durante la stessa notte, il criminale aveva assalito una coppia e tentato di rapinare un ragazzo che è rimasto ferito ad un braccio. Gli episodi più recenti sono avvenuti prima di Natale ai danni di un 74enne al Campo Boario e di una ragazza aggredita in via dei Merciai la notte della Vigilia.

La speranza è che i carabinieri, attraverso le immagini delle telecamere della zona, riescano ad incastrare il colpevole. Il criminale è solito agire la notte, nelle ore buie, indossando un cappuccio che per metà gli copre il viso. D’età compresa tra i 30 e i 40 anni, è straniero, di colore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.