Rapine agli uffici postali, carabinieri scovano e arrestano i banditi

JESI – Arrestata una banda di criminali, autori di diverse rapine agli uffici postali nella provincia di Ancona e non solo.

Dal 2016, il Nucleo Operativo della Compagnia dei Carabinieri di Jesi studiava attentamente il fenomeno delle rapine agli uffici postali verificatesi nella provincia di Ancona. Poichè tutti gli eventi erano connotati da un identico modus operando, si presupponeva potesse trattarsi di una banda specializzata. Tra agosto e il marzo del 2017 tre le rapine perpetuate ai danni: una a Monte Roberto, Pianello Vallesina e una a Marzocca di Senigallia. In due di esse, gli autori servendosi di una mazza a manico lungo da carpenteria avevano divelto la vetrata antisfondamento degli ingressi facendo irruzione proprio nel momento in cui stavano caricando gli ATM.

Partendo da questo dato è dal fatto che per la rapina di Monte Roberto era stato utilizzato un motoveicolo rubato e successivamente rinvenuto in zona Ponte Magno, era verosimile pensare che gli autori potessero trovare collocazione in questa zona. Così i militari incominciavano ad approfondire il fenomeno, comunicando a vari comandi dell’Arma del centro Italia le modalità esecutive della commissione delle rapine, indicando loro alcuni soggetti potenzialmente capaci di commettere tali reati.

Sabato mattina, verso le ore 09.30, la Tenenza Carabinieri di Cattolica comunicava a questo comando che poco prima era stata perpetrata una rapina con le stesse modalità presso l’Ufficio Postale di San Giovanni in Marignano, un colpp che però aveva fruttato poco ai criminali, in quanto la cassaforte era ancora chiusa. Nel corso del sopralluogo i carabinieri accertavano che gli autori si erano allontanati con una Fiat Tipo risultata provento di furto, poi abbandonata e salire a bordo un’autovettura Fiat 500 L “pulita”, di cui non si conosceva il numero di targa.

Stante quanto comunicato, ritenendo che gli autori potessero dimorare in Vallesina, i militari del NOR, capeggiati dal Maresciallo Maggiore Fabio Del Beato, mettevano in atto il piano antirapina del Comando Provinciale di Ancona, presidiando i caselli autostradali di Montemarciano e Ancona Nord e la località Ponte Magno.

Frattanto, i carabinieri di Gonzaga (MN)  informavano i carabinieri del NOR di Jesi che presso l’ufficio postale di Sermide alle ore 12.55 era stata perpetrata una rapina con le stesse modalità , a seguito della quale era stata asportata un’importante somma di denaro.

Alle ore 15.25 sull’autostrada A14 direzione Pescara, dopo decine di Fiat 500 transitate, i militari intercettavano una Fiat 500 L di colore bianco con tre persone a  bordo, di proprietà di una società di noleggio sedente a Catania. In particolare i militari notavano che il conducente indossava una camicia gialla simile a quella indossata da uno dei rapinatori al momento dell’irruzione negli uffici postali.

Bloccata l’autovettura, i carabinieri riconoscevano immediatamente G.S. 26 di Jesi ma con origini meridionali, mentre gli altri due identificati in R.V.  43enne e R.C.  29enne, entrambi da Catania. Tutti e tre erano già noti alle forze dell’ordine.

Ricorrendone i presupposti, immediatamente sul posto veniva eseguita una meticolosa perquisizione veicolare e personale, durante la quale venivano rinvenute – nascosti in un sacco di colore rosso – una ingente somma di denaro, mentre in un borsone indumenti per il travisamento e numerosi attrezzi da scasso.

Condotti in caserma per ulteriori accertamenti, i carabinieri del Maresciallo del Beato, scoprono all’interno della sacca contenente il denaro una distinta di versamento di euro 445,62 recante il timbro dell’ufficio postale di Sermide, che permetteva di stabilire oltre ogni ragionevole dubbio la loro responsabilità delle rapina perpetrate in Romagna ed in Provincia di Mantova.

Pertanto, nei loro confronti veniva eseguito d’iniziativa un fermo di indiziato di delitto, nel corpo del quale gli veniva contestato il reato di rapina aggravata continuata in concorso e la ricettazione, essendosi serviti per la rapina di San Giovanni Marignano dell’autovettura Fiat Tipo risultata provento di furto ai danni di una persona del luogo.

Tutti e tre, come da disposizione del PM di turno, sono stati  rinchiusi presso la Casa Circondariale di Ancona.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*