Recò, apre a Jesi la prima sartoria etica, sociale e sostenibile

JESI – Etico, sostenibile, sociale: in una parola Recò. Inaugura oggi, alle 18.00, la sartoria nata dal progetto della Fondazione Centro Servizi “P. Oscar” onlus in collaborazione con Caritas Jesi e FAP Acli della provincia di Ancona. Nel punto vendita situato nel Chiostro Sant’Agostino a Jesi, grazie alla concessione dei locali da parte del Comune,  abiti e prodotti di sartoria ottenuti dal recupero di tessuti di alta qualità, donati da aziende tessili italiane. Solo pezzi unici che nascono dalle sapienti mani di donne provenienti da percorsi di svantaggio sociale ed economico.  Questa caratteristica rende il prodotto prezioso, per il suo valore di unicità e di identità e per la storia che racconta.

RECO’ prima di essere un progetto è un sogno e nasce da un’idea semplice: unire donne di culture diverse che si trovano in una situazione economica e familiare difficile per dare loro una nuova opportunità.  Caterina Solustri, coordinatrice del progetto, con l’aiuto di un team di giovani collaboratori e volontari, creativi e competenti, lavora per coniugare sostenibilità sociale e ambientale.

Sono sei le azioni racchiuse nel progetto RECO’: imparare, attraverso corsi di formazione professionale per sviluppare abilità artigianali, creative e artistiche (taglio e cucito, ricamo, bigiotteria…); fare, con la creazione di uno spazio lavorativo all’interno dei locali Caritas in cui realizzare prodotti di artigianato creativo (borse, astucci, zainetti, braccialetti, collane, orecchini…); recuperare, tramite una produzione artigianale basata sull’utilizzo di materiale non in uso e donato come stoffe, mobilio, cartonaggio che sarà recuperato e rimesso in produzione; stare insieme, coinvolgendo nel progetto donne di culture diverse che lavorando si relazionano tra loro creando un ambiente gioioso dove si respira l’integrazione delle diversità; andare nel mondo, creando un mercatino di produzione artigianale capace di auto sostenersi attraverso la vendita dei prodotti, partecipando a manifestazioni ed eventi locali; sognare,  aspirando a diventare partner di aziende del settore tessile, realizzando la produzione di linee solidali che tengano conto non solo del mero profitto, ma di valori etici universali.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*