Recupero di un edificio, il Comune partecipa al bando regionale per gli alloggi in autocostruzione

MAIOLATI – Il gruppo Sunesis e la cooperativa Alisei, con il patrocinio del comune di Maiolati Spontini, hanno messo a punto un progetto con il quale intendono partecipare al bando regionale (DGR n.86/2014 – n.237/2014) che mette a disposizione contributi per la realizzazione di alloggi in autocostruzione a favore di famiglie a reddito contenuto, sia italiane che straniere.

Il progetto prevede il recupero di un edificio esistente nel capoluogo comunale, in una zona panoramica, a due passi dal Colle Celeste, in via Celeste Erard. Un edificio che sarebbe ceduto dal proprietario alla cooperativa. Solo al termine del lavoro di recupero da parte degli acquirenti in ciascuno degli appartamenti previsti (da un minimo di 8 a un massimo di 10), l’alloggio diventerà di loro proprietà. Le abitazioni dovranno essere in classe energetica B o superiore e rispettosi del protocollo Itaca, ad un prezzo nettamente inferiore a quello della stessa edilizia agevolata. L’intervento si inquadra nelle azioni promosse dall’Amministrazione comunale per la rivitalizzazione del centro collinare e può costituire un valido punto di riferimento per una politica dell’housing sociale che sappia rispondere alle nuove domande abitative senza gravare completamente sulla finanza pubblica e senza determinare consumo di suolo per nuove edificazioni.

Per informare la popolazione ed avviare la selezione dei soggetti interessati il Comune ha previsto due assemblee pubbliche che si terranno lunedì 7 luglio, alle ore 21, presso l’ex palestra comunale in via Celeste Erard, a Maiolati Spontini, e giovedì 10 luglio, alle ore 21, presso il Centro comunale 6001, in via Carducci a Moie.

Le assemblee hanno lo scopo di presentare, insieme ai tecnici della cooperativa ed a esperti dell’esperienza dell’autocostruzione, e di fornire tutte le informazioni agli interessati.

Le richieste per partecipare al bando di selezione potranno essere consegnate all’Ufficio Protocollo del Comune, o spedite con raccomandata A.R., o firmate digitalmente ed inviate tramite pec all’indirizzo: comune.maiolatispontini@emarche.it, entro 20 giorni dalla data di pubblicazione del bando prevista subito dopo le assemblee.

Unitamente alla richiesta dovrà essere compilato un questionario. Per partecipare alla selezione i richiedenti non devono avere avuto precedenti assegnazioni in proprietà o con patto di futura vendita di un alloggio realizzato con contributi pubblici o precedenti finanziamenti agevolati in qualunque forma concessi dallo Stato o da enti pubblici. Devono avere una capacità economica del nucleo familiare calcolato secondo i criteri stabiliti dal D.Lgs. 109/1998 (ISEE), non inferiore a 14.400 euro e non superiore a 39.701,19 euro. Devono garantire 16 ore settimanali da dedicare alle lavorazioni necessarie in cantiere ed avere capacità e condizione per la sottoscrizione di un mutuo bancario. Devono inoltre essere disponibili al lavoro di gruppo, al rispetto delle regole, alla condivisione del sapere associativo ed a partecipare a tutte le fasi di produzione degli alloggi in autocostruzione.

I soggetti selezionati formeranno un’apposita cooperativa edilizia finalizzata alla realizzazione dell’intervento. I lavori dovranno iniziare entro un anno dall’acquisizione del finanziamento ed essere conclusi nei successivi tre anni.

“Il Comune promuove e sostiene con interesse tale iniziativa – spiegano il sindaco Umberto Domizioli e il vicesindaco Giancarlo Carbini – e verificherà tutte le possibilità per favorire tale progetto, anche valutando ulteriori incentivi e agevolazioni. Un progetto, fra l’altro, che farebbe seguito al bando pubblico per l’assegnazione di dieci alloggi di edilizia residenziale pubblica agevolatain locazione con patto di futura vendita che saranno costruiti a breve dall’ERAP a Moie su progetto in collaborazione con il Comune stesso. L’obiettivo, sempre più drammaticamente all’ordine del giorno, è quello di consentire a chi non ha adeguato reddito di raggiungere l’obiettivo fondamentale di avere una casa propria. Tale progetto assomma inoltre altri obiettivi, fondamentali alla base della nostra azione amministrativa: recuperare edifici esistenti e porre un freno a un ulteriore consumo di suolo, rilanciare Maiolati Spontini capoluogo favorendo la residenza di nuove famiglie”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*