Recupero ex Filanda: ospiterà alloggi sociali e servizi Cooss Marche | | Password Magazine

Recupero ex Filanda: ospiterà alloggi sociali e servizi Cooss Marche

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dopo anni in cui era stata lasciata in uno stato di completo abbandono, diventando una delle zone più degradate della città, sarà recuperata l’ex filanda Girolimini posta tra via Roma e via Asiago.  Una zona che destinata a diventare a breve il cuore di una riqualificazione urbanistica particolarmente importante.

Il piano di recupero è stato presentato ieri pomeriggio alla stampa all’interno dell’edificio dela scuola Martiri della Libertà: ad illustrarlo il sindaco Massimo Bacci e l”Ing. Stefano Santarelli. Presenti anche il vice presidente Cooss Marche Andrea Scocchera e Paolo Rela del Fondo Cives.

Il progetto approvato dalla Giunta

Si tratta di un importante intervento di riqualificazione urbanistica dell’intera area con una interessante destinazione finale: i vecchi edifici, di epoca ottocentesca, oggi in stato di abbandono e degrado, saranno riqualificati e risanati nell’ottica di realizzare nel quartiere nuovi servizi e un nuovo modo di abitare la città, attraverso un vero social housing. L’operazione intitolata “Dom- Us” prevede infatti la realizzazione di alloggi sociali di qualità – circa 50 appartamenti per metà trilocali e per metà divisa tra mono, bi e quadrilocali –  destinati ad essere affittati a prezzi calmierati o per la vendita convenzionata immediata. Una delle palazzine rimesse a nuovo ospiterà invece una struttura socio-sanitaria ed erogatrice di servizi alla persona dedicata ai disabili per la Cooss Marche, destinata ad accogliere 18 ospiti ora alloggiati nelle strutture di via Roma e di Serra San Quirico.

Il complesso è attualmente costituito da cinque edifici: i due maggiori saranno ristrutturati, due demoliti e l’ultimo, il più piccolo, sarà abbattuto e costruito ex novo. Saranno incrementati i posti auto e realizzata una seconda via d’accesso. L’area sarà moderna, eco-friendly di alta qualità e a basso costo di consumo, grazie alla gestione unitaria dell’impianto fotovoltaico e delle utenze. Nel nuovo quartiere, sarà realizzata una stazione per il noleggio , deposito e ricarica di biciclette elettriche. Previsti anche una rete wi-fi accessibile e un sistema di illuminazione dei percorsi d’accesso e interno all’area con telecamere di sicurezza.

“Un’intervento di riqualificazione che, per la sua collocazione, rappresenta un nodo rilevante del centro urbano trovandosi a due passi dal centro storico; consentendo il completamento del sistema del verde che va dal Parco del Vallato a quello del Ventaglio; costituendo un elemento di supporto al sistema dellebaree sportive, in sinergia con le infrastrutture cittadine – ha spiegato l’Ing. Santarelli – Obiettivo è conservare l’enclave urbana e la sua tipologia, valorizzando le infrastrutture presenti senza stravolgerle”.

Il piano di recupero, adottato lo scorso marzo, sarà approvato nei prossimi mesi. Il via ai lavori di bonifica è previsto per giugno, con completamento dell’intera struttura, servizi compresi, nel 2020.

L’intervento rientra nel Fondo Cives che ha come obiettivo “quello di sviluppare nelle Marche la costruzione di alloggi sociali per soddisfare i nuovi bisogni abitativi e di servizi” ha spiegato Rela.
Il fondo Cives focalizza la propria attività di investimento nella realizzazione di interventi di edilizia residenziale sociale e di residenze protette così come definito dalla legge regionale n. 20/2002. L’obiettivo è realizzare un programma di social housing che vada a coprire la domanda di nuovi bisogni abitativi a prezzi contenuti in particolare da soggetti come giovani famiglie, single, persone straniere, anziani.
“Con questo intervento, i nostri uffici e servizi troveranno una collocazione migliore” dice Scocchera. Parole di soddisfazione anche dal Sindaco Massimo Bacci: “Un ulteriore passo in più per una città che vogliamo sempre più bella e accogliente, anche nei quartieri periferici. Si congeda con questo intervento una consigliatura che ha avuto come primo obiettivo il bene della città”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.