Referendum, botta e risposta tra il comitato promotore e il presidente Massaccesi | Password Magazine

Referendum, botta e risposta tra il comitato promotore e il presidente Massaccesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Referendum abrogativo, nel 2013 uno dei dieci componenti del comitato promotore, Andrea Pieralisi, aveva proposto di spostare la fontana, di accollarsi gli oneri relativi e di riqualificare la piazza Federico II creandoci un parcheggio con 60 posti auto. Mi chiedo se ha senso una proposta referendaria da parte di alcune persone che inconsapevolmente hanno firmato quell’atto insieme a una persona che voleva stravolgere tutto creando un parcheggio in pieno centro storico. Che quella decima persona abbia il buon gusto di ritirare la propria firma». Così il presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi puntualizzava lunedì in Consiglio comunale, «per chiarezza e linearità nei confronti dei cittadini».

Dichiarazioni che non sono piaciute né all’imprenditore Andrea Pieralisi né al comitato promotore del referendum Piazza Libera che ha subito replicato: «Prive di fondamento istituzionale ed estremamente gravi, le parole espresse da Daniele Massaccesi».

Si legge in una nota stampa:

«Prive di fondamento istituzionale, in quanto provengono dal Presidente del Consiglio Comunale, figura che, come da Regolamento, rappresenta l’intero Consiglio (quindi, di riflesso, l’intera cittadinanza) e che non può mettersi in aperto contrasto con un organo – quale il Comitato Promotore stesso – pienamente legittimato, nella sua composizione e nella sua iniziativa, dal Regolamento sugli Istituti di Partecipazione e Consultazione dei Cittadini.
Gravi nella sostanza, in quanto, attraverso un attacco diretto ad uno dei componenti il Comitato Promotore stesso, si è tentato di fatto di ledere la credibilità e di minare la solidità dell’intero Comitato Promotore, composto da 10 cittadine e cittadini jesini, espressione di diverse anime della società civile della città». Infine, il Comitato promotore del Referendum, esprimendo piena e decisa solidarietà al componente Andrea Pieralisi, ritiene oggi di ribadire ancora di più la propria determinazione e la propria fermezza nel raggiungimento dell’obiettivo di poter coinvolgere tutta la cittadinanza nell’importante decisione riguardante l’accettazione del lascito testamentario con onere perpetuo disposto dal cittadino onorario Cassio Morosetti».

Il botta e risposta prosegue con la replica del presidente Massaccesi:

«Proprio a difesa delle istituzioni, di cui mi onoro di far parte, se pur con la consapevolezza del tempo limitato e per la volontà dei consiglieri comunali eletti e nell’interesse di una coerenza e di una serietà che la Città merita e di un istituto come il “referendum”, importante non solo perché è previsto da regolamenti e statuto comunali, ho chiarito come non si possa “giocare” o “usare” uno strumento democratico e ho criticato chi, rinnegando proprio posizioni personali pubblicamente esposte, al di là di essere bislacco meno e comunque diametralmente opposte a quelle che oggi invece propugna, come promotore di un atto pubblico, sottoscrivendo una proposta di referendum ed inficiando così il lavoro e l’ impegno di un intero comitato promotore a cui va il mio rispetto e la mia considerazione, al di là dell’iniziativa promossa e dei contenuti della stessa, per l’impegno civile».

E continua:

«Nulla di personale certamente contro Andrea Pieralisi come cittadino, ci mancherebbe, che oggi scopro peraltro cultore di Seneca (l’imprenditore aveva a sua volta risposto citando la frase latina “Non quia difficilia sunt non audemus, sed quia non audemus difficilia sunt” ovvero “Non osiamo molte imprese non perché sono difficili ma sono difficili perché non osiamo”, ndr) magari meno conoscitore di regolamenti ma ovviamente non si può essere un tuttologo e che anzi invito come imprenditore e come esponente di una famiglia importante di Jesi a lavorare insieme proficuamente in più settori, a favore della comunità intera e contribuire, ad esempio, alla strategia turistica del territorio con iniziative importanti e rivedendo magari o contribuendo a rivedere decisioni come quella recentemente adottate, che vanno invece in controtendenza (vedi la chiusura dell’hotel Federico II) e che risultano penalizzanti per più ambiti, fra cui non secondario quello economico lavorativo e occupazionale. Conoscendo la sensibilità di Andrea Pieralisi, cittadino, ne sono sicuro».

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.