Referendum verso il Comitato dei Garanti: approvata dal Consiglio modifica statuto | | Password Magazine

Referendum verso il Comitato dei Garanti: approvata dal Consiglio modifica statuto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un passo avanti verso il referendum per decidere sullo spostamento o meno della statua dedicata a Pergolesi. Approvata all’unanimità in sede di Consiglio comunale la modifica dello statuto comunale in merito alla composizione del Comitato dei Garanti e del regolamento sugli istituti di partecipazione.

Modificato dunque l’art. 21 comma 8 dello statuto comunale con l’emendamento del Sindaco che sostituisce all’interno del Comitato dei Garanti (l’organo incaricato di valutare le proposte referendarie) l’obsoleta figura del difensore civico comunale con un componente in possesso di esperienze giuridiche e amministrative, che lo presiede, eletto dal Consiglio Comunale.

Sarà il Segretario Comunale a sovraintendere lo svolgimento delle funzioni del Comitato dei Garanti e a partecipare alle riunioni dello stesso curandone la verbalizzazione. Le candidature possono essere presentate dai gruppi di maggioranza e minoranza attraverso i capigruppo.
 L’elezione avverrà in seduta pubblica e a scrutinio segreto a maggioranza dei 2/3. Se tale maggioranza non verrà raggiunta alla prima votazione si procederà subito ad una seconda e risulterà eletto il candidato che riporterà la maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto. In caso contrario, terza votazione con maggioranza semplice.
Ora dunque ci sono tutte le carte in regola per procedere all’elezione del nuovo componente e per l’avvio dei lavori da parte del Comitato dei Garanti, chiamato ad esprimersi sulla validità della proposta referendaria presentata dal Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi lo scorso dicembre.
L’istanza di referendum abrogativo vuole invitare i cittadini alle urne allo scopo di conoscere il parere di tutta la comunità civica in riferimento al progetto di spostamento del monumento dedicato al compositore jesino 17 metri più indietro rispetto al Corso Matteotti: il Comitato di Garanti avrà  30 giorni di tempo per valutare la richiesta, giudicando se il contenuto del Referendum sia accettabile o meno. Se concessa l’approvazione, Nessuno Tocchi Pergolesi avrà 60 giorni di tempo per raccogliere 2000 firme tra i residenti aventi il diritto al voto. Solo allora si potrà andare alle urne.
Intanto una delibera di Giunta del 21 febbraio scorso ha sospeso l’iter relativo all’ affidamento dei lavori in attesa che i Garanti si pronuncino sull’ammissibilità del quesito referendario.
Bocciato dalla maggioranza, l’emendamento presentato dal consigliere  Daniele Olivi (PD) che proponeva di mettere mano al comma 12 dell’art. 21 che disciplina il quorum per il raggiungimento dell’effettiva validità ai quesiti referendari. Secondo la proposta del PD, che è stata respinta, era da considerarsi approvato il quesito sottoposto a referendum abrogativo se alla votazione avesse partecipato almeno  il 50% + 1 (cinquanta per cento più uno) dei cittadini votanti alle ultime elezioni amministrative (e non dei cittadini aventi diritto al voto). Del 30% + 1 in base a referendum consultivo.

Non ammesso per un parere tecnico negativo del Segretario comunale l’emendamento proposto dal consigliere Massimo Gianangeli (M5S) che proponeva di aggiungere all’art. 30 del Regolamento comunale sugli Istituti di Partecipazione e Consultazione il comma 6: “Nel caso in cui il Comitato dei Garanti dichiari l’ammissibilità del quesito, l’Ente è tenuto ad evitare l’adozione di atti e provvedimenti che rendono inefficace e impercorribile l’esito della consultazione referendaria nel rispetto dei principi di economicità, imparzialità e del buon andamento della pubblica amministrazione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.