Restyling Corso, proseguono i lavori: completata condotta idrica | Password Magazine

Restyling Corso, proseguono i lavori: completata condotta idrica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Proseguono nel rispetto del cronoprogramma previsto i lavori di ripavimentazione di Corso Matteotti. Dopo le prime due settimane, la ditta che ha in appalto l’opera, ha già completato la posa in opera delle condotte dell’acquedotto in tutti i primi 100 metri di cantiere. Da lunedì cominceranno i lavori di rifacimento anche delle condotte fognarie nel medesimo tratto. Terminati i lavori dei sottoservizi, si procederà con la pavimentazione della strada, rimuovendo l’asfalto e adottando tutti gli accorgimenti tecnici per la posa in opera della pietra. Questo primo cantiere durerà fino a metà aprile, dopodiché si procederà negli altri tratti del Corso previsti, dall’incrocio con Via Mura Occidentali da una parte, fino a quello con Via Mazzini dall’altra.

Relativamente all’utilizzo della pietra, l’Area Servizi Tecnici del Comune chiarisce che la pietra comunemente utilizzata nelle nostre cittadine e borghi storici della Vallesina è l’arenaria. È la stessa pietra con la quale era stata pavimentata originariamente  Piazza Pergolesi e con cui poi, per coerenza storica e tipologica, è stata ripavimentata. La scelta della pietra è stata decisa con il supporto della Sopritendenza, nel cui parere veniva prescritto l’utilizzo di pietra del tipo locale. 

«Va chiarito – si legge in una nota del Comune – che l’arenaria è una pietra naturale sedimentaria composta di granuli dalle dimensioni medie di una sabbia. I granuli possono avere varia composizione mineralogica che ne determinano anche le caratteristiche cromatiche, che possono sfumare dal giallo al grigio. Anche i conci in arenaria di Piazza Indipendenza, ad esempio, presentano contemporaneamente sfumature delle due tonalità essendo un carattere specifico della pietra stessa che viene evidenziato nel taglio a lastre. Nel trascorrere degli anni lo sporco che si accumula, in particolare derivante dal transito dei mezzi, conferisce a questa pietra una patina grigiastra che annulla proprio la stonalizzazione tipica della pietra naturale. Quello che per alcuni sembra un difetto è invece un elemento peculiare che, nel montaggio della pavimentazione a grandi lastre, viene valorizzato». 

                                          

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.