Restyling Piazza Pergolesi, il Sindaco incontrerà le associazioni contrarie allo spostamento del monumento | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Restyling Piazza Pergolesi, il Sindaco incontrerà le associazioni contrarie allo spostamento del monumento

JESI – Giù le mani dal Pergolesi. L’alt arriva dai presidenti delle associazioni Archeoclub Italia, Circolo Contardo Ferrini e Italia Nostra, contrari allo spostamento del monumento a Pergolesi, così come predisposto dal progetto di riqualificazione dell’omonima piazza, con prossima attuazione nel 2017. Secondo il Piano delle Opere Pubbliche, il restyling prevede l’arretramento del monumento dedicato al compositore jesino rispetto alla posizione odierna.. Per rendere questo possibile, saranno abbattuti gli alberi della piazza e ripristinata l’area verde, con spostamento dell’edicola verso via XV Settembre.

Ma ad Archeoclub, Circolo Ferrini e Italia Nostra questa soluzione non piace e scrivono una lettera a Bacci e al soprintendente Carlo Birrozzi.
“Il monumento è già arretrato, chi lo collocò in questa posizione (1910), aveva riflettuto sull’opportunità di non creare una cesura nella continuità armoniosa della linea guida delle facciate degli edifici prospicienti il corso – dicono nella lettera –  Il monumento non disturba nemmeno la visibilità del fianco dell’antica chiesa di San Niccolò, di cui si dovrebbe piuttosto, come già sostenuto, liberare l’abside.  L’edicola non dovrebbe essere collocata nell’ambito della piazza, ma ospitata nell’edificio a sinistra, così da non disturbare l’estetica d’insieme. La pavimentazione e gli arredi dovrebbero utilizzare materiali della nostra zona, pietre dagli stessi morbidi colori che caratterizzano la nostra città e non abbacinanti come il previsto bianco, evidente stonatura”. E aggiungono una nota anche sulla spesa pubblica prevista per l’operazione di riqualifica: “Le spese per far arretrare il monumento sono ingenti e soprattutto inutili: rinunciare al finanziamento, che si dice vincolato, non è “mancare un’occasione” è semplice buon senso; d’altra parte, dal momento che il progetto di restyling del corso e della piazzetta è ormai datato, riteniamo che vi si possano portare delle varianti e dirottare almeno parte del finanziamento in modo da non disperdere preziosi denari pubblici”.
Il sindaco Massimo Bacci incontrerà il prossimo 3 novembre i  rappresentanti delle tre associazioni che hanno chiesto un confronto per  esprimere le loro valutazioni sui lavori di riqualificazione di Piazza Pergolesi.
“Si tratta – spiega il Sindaco – di un progetto della precedente Amministrazione che abbiamo ritenuto meritevole di essere portato avanti non appena ci è stato comunicato che Jesi era stata ammessa ai finanziamenti dopo che, ad una prima graduatoria, ne era invece rimasta esclusa. Da allora, nella massima trasparenza e con l’obiettivo di permettere ai cittadini di conoscere a fondo il progetto, sono stati organizzati incontri pubblici ed è stata realizzata anche una mostra a Palazzo dei Convegni. Nessuno aveva espresso allora contrarietà al progetto di Piazza Pergolesi, limitandosi le osservazioni solo ad alcune  soluzioni prospettate su Corso Matteotti. Resto sorpreso che ora, nell’imminenza dei lavori, arrivino all’improvviso posizioni così nette. Né può passare l’idea che per spostare il monumento si debbano affrontare spese rilevanti, visto che occorrono 28 mila euro, somma  pienamente compatibile con la proposta progettuale. Del resto chi parla di risorse pubbliche dovrebbe riconoscere che questa Amministrazione si è caratterizzata per aver impostato una politica finanziaria su rigore ed equità, recuperando milioni e milioni di euro con una forte azione contro sprechi e sacche di privilegi, permettendo non solo di risanare il bilancio comunale ma anche di dimezzare l’indebitamento ereditato. Ad ogni modo nell’incontro del 3 novembre, con l’ausilio dei tecnici avremo modo di illustrare ai rappresentanti delle associazioni la filosofia del progetto, le scelte adottate, le soluzioni prospettate, ascoltando e confrontandoci apertamente sulle eventuali obiezioni”.
(Chiara Cascio)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.