Riabilitazione post- covid: a Jesi il primo ambulatorio delle Marche | Password Magazine
Banner4Baffi

Riabilitazione post- covid: a Jesi il primo ambulatorio delle Marche

JESI- Un percorso post- acuzie per i pazienti guariti da Covid-19: arriva all’Ospedale Carlo Urbani il primo Ambulatorio Post- Covid delle Marche.

Consensualmente a quanto emanato nella recente Delibera n.750 del 15 Giugno 2020 della Regione Marche, relativa all’assistenza nel percorso di follow-up dei pazienti guariti da Covid-19, ovvero un percorso fatto di controlli e visite periodiche, l’ambulatorio integrato ha l’obiettivo di offrire compentenze trasversali per assistere i pazienti Covid positivi, dimessi dalle strutture sanitarie dell’Ospedale Carlo Urbani: sembrerebbero essere oltre 200 le persone dimesse dalla struttura e in buone condizioni.

 

IMG_5914 foto 2

Foto 1IMG_5927

Foto 3IMG_5922

«Se siamo qui a parlare di ciò che faremo in futuro, prendendo le parti migliori di questa esperienza negativa, e portarle dalla nostra parte utilizzandola come risorsa, vuol dire che anche dalle cose negative si può fare tesoro, e da qui costruire servizi sempre migliorativi» commenta il Dott. Alberto Lanari, dell’Area Comunicazione dell’Area Vasta 2.

Un progetto che nasce proprio nelle criticità della pandemia, verso metà del mese di Aprile, come si evince dalle parole del Direttore dell’Area Vasta 2, il dott. Giovanni Guidi: «Dal momento terribile del Covid è nata l’idea, in particolare da parte del Dottor Candela, su una situazione che poteva essere esplorata, domandandoci: ma il Paziente Covid una volta tornato a casa, da chi viene seguito? E con quali modalità? Ci sono delle aspettative per tornare alla vita normale? E come ci tornerà? Nella lungimiranza del Dottor Candela si è quindi sviluppato questo percorso di follow-up, con l’augurio che sia un progetto a breve termine per mancanza di pazienti».

foto 4IMG_5920

«Il Covid 19 è un virus molto aggressivo: coinvolge più apparati, colpisce i polmoni non solo a livello di atropismo, ma si parla anche di vetri smerigliati- prende la parola il Dott. Marco Candela, del Dipartimento Medico Area Vasta 2- In 36 anni da medico, questo è il primo virus che vedo dare deficit dell’olfatto e del gusto: altri pazienti hanno avuto astenie estreme, quindi con ripercussioni a livello della cinestesi e muscolare. Insomma il virus crea interessamento a livello polidistrittuale.

foto 6 IMG_5936

Platone incolpava l’allora medicina moderna, nel quarto secolo a.C, di aver separato la psiche dal corpo: in questo siamo stati antesiniani, perché poniamo l’attenzione anche sulla sfera psicologica dei pazienti.

L’ambulatorio non è da intendere come una semplice somma di consulenze,ma una totale presa in carico dei pazienti, per scoprire sempre di più come si comporta questo virus.  A Maggio è stato istituito il primo tavolo di lavoro: i primi pazienti contattati hanno colto favorevolmente questa bonaria commissione d’esame, ed è stata anche l’occasione per coccolare e conoscere meglio i nostri pazienti. D’altronde, ho coniato questa frase: non tutti i Covid vengono per nuocere, intendendo con questo l’assistenza ai pazienti anche tramite remoto, quindi con l’ausilio di chat e videochiamate. L’operatività di questo tipo può dimostrarsi utile anche per altre occasioni future».

foto 5IMG_5918

La presa in carico dei pazienti, nella fase di ritorno a casa e di recupero della quotidianità, è quindi totale: la riabilitazione sarà affrontata sia a livello fisico, che cognitivo, e anche a livello psicologico.

Del virus si sa ancora poco, e ad oggi non esiste ancora un farmaco anti- virale in grado di interrompere i contagi, o nuove ricadute.

«Quello che è stato fatto qui a Jesi, è qualcosa che precede quello che poi è stato scritto a livello normativo: la volontà e la forza dell’Ospedale di aprirsi così al territorio è ammirevole. Stiamo parlando di percorsi trasversali tra struttura ospedaliera e altre strutture residenziali: questo può implicare osservazioni sia positive che negative, ma significa mettersi in gioco. Qui si è esposto letteralmente l’anima della sanità territoriale, attraverso il poster affisso, pieno degli occhi di tutti gli operatori che si sono attivati in questo periodo di grande emergenza, e li ringrazio tutti.

Questo progetto è stato quello che aperto la realizzazione di quanto descritto nel documento normativo: mi auguro che anche in altre strutture ospedaliere possa avvenire questo percorso di follow-up così completo. Ci sono tanti progetti in corso, e la linea da seguire è chiara: un percorso che dalla fase acuta segua i pazienti anche nel post-acuzie, per permettere un ritorno alla vita quotidiana, sotto ogni punto di vista. Io faccio i complimenti al Dott. Candela e tutti gli altri medici, ma penso che il ringraziamento più importante venga dai pazienti che vi sosterranno per proseguire in questo modo» afferma la Dirigente di Asur Marche, la Dott.ssa Nadia Storti.

L’Ambulatorio Integrato è già operativo all’Ospedale Carlo Urbani, e fonde competenze infettivologiche, internistiche, pneumologiche, riabilitative, psicologiche, farmacologiche ed infiermieristiche, attivo a cadenza settimanale attraverso una lista unica di prenotazione per i pazienti dimessi a Jesi: l’obiettivo, esposto dal Dottor Candela e da tutti i sanitari coinvolti nel progetto, è di completare quantomeno il ciclo delle prime visite a tutti i pazienti, per identificare il percorso, o i percorsi, specifici da affrontare insieme, dottori e pazienti.

Per informazioni relativo all’accesso alla lista di prenotazione, è opportuno contattare il seguente indirizzo mail: ambpostcovid.jesi@sanita.marche.it.

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

2 Commenti su Riabilitazione post- covid: a Jesi il primo ambulatorio delle Marche

  1. Siete meravigliosi,competenti;,ricchi di energia,volontà, per il benessere fisico ,psichico altrui: Grazie immensamente!!!!!

  2. Siete meravigliosi; continuate incessantemente con competenza, determinazione, amore,a prestare il vostro operato per il nostro benessere fisico, psichico. Grazie immensamente!!!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.