Riapre Lo Sbarello, Matteo Montesi: «Viviamo i giardini pubblici in sicurezza» | Password Magazine
Festival Pergolesi

Riapre Lo Sbarello, Matteo Montesi: «Viviamo i giardini pubblici in sicurezza»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sarà di nuovo Matteo Montesi ad occuparsi della gestione de Lo Sbarello, lo storico chioschetto dei Giardini Pubblici di Viale Cavallotti.

Per sapere come sarà gestita una delle più conosciute aree verdi di Jesi, punto di incontro per giovani e anziani, ad un passo dal centro storico, abbiamo quindi intervistato Matteo Montesi, che ci ha raccontato l’evoluzione futura dello spazio a lui dato in concessione dal Comune di Jesi, a seguito di una gara d’appalto:

Matteo, partiamo dalle origini: hai gestito per anni lo Sbarello, inserendo eventi di Karaoke e non solo, coinvolgendo più fasce d’età, che ricordi hai del tuo esordio?

«Dopo la gestione storica di Berto e Mirella, una vera e propria istituzione, ne è seguita un’altra, poi la mia, nel 2011.

35932316_10204768869459761_7178769605966430208_o

In 8 anni ho organizzato circa 10 eventi all’anno: diversi concorsi di bellezza, moda e spettacolo. Un anno ho persino organizzato una tappa di Miss Italia, poi ancora ho dato spazio a diversi concerti di musica dal vivo, spaziando per diversi generi musicali, dal rock ‘n’roll al blues, rap, reggae. Dall’inizio della mia gestione ho sempre avuto a cuore la serenità dei residenti della zona. Col tempo ho avuto modo di conoscerli, intessendo con loro un rapporto diretto: inizialmente avevo anche stampato dei volantini e li avevo imbucati nelle buche delle lettere, casa per casa. In questi volantini avevo inserito i miei contatti e mi appellavo a loro, mettendomi a disposizione, per far fronte a qualsiasi tipo di disagio creato dalla mia attività.

Il tutto è sempre stato gestito in maniera molto “umana” se così si può dire».

Dopo quanti anni di inattività torna ad aprire lo Sbarello?

«Dopo la chiusura avvenuta a Ottobre 2018, Lo Sbarello ha riaperto sabato 29 Agosto 2020.

Dopo una diatriba tra la precedente proprietaria e il Comune, durata diversi anni, quest’ultimo ha comprato il chiosco, e da lì ha istituito una gara d’appalto: il tempo della riapertura era quindi stato condizionato dai tempi della trattativa e del bando di concorso.

Io ho ottenuto le chiavi del locale venerdì 28 Agosto, alle ore 15.

Ero preoccupatissimo, cosciente del grande impegno per mettere a norma il locale: devo dire che grazie all’intervento dello studio tecnico di Fabio Giuliodori, molto professionale, nell’arco di poche ore il locale è stato messo totalmente a norma, con tutte le misure anti-covid richieste.

Direi che quindi il tutto è avvenuto nei tempi più veloci possibili. E ora sono tornato operativo e Lo Sbarello sarà aperto mattina, pomeriggio e nel dopocena».

 Hai riavuto la gestione partecipando ad un bando di concorso e, da vincitore, ti sei preso l’onere non solo del bar, ma anche zone limitrofe, come la pulizia della fontana e della zona circostante il Monumento ai Caduti, è così?

«Sì esatto, mi occuperò io della pulizia di una buona parte dei Giardini, comprese le aree giochi dei bambini, il che costituisce una vera e propria novità: laddove i dipendenti comunali, per forza di cose, non possono occuparsene ogni giorno ad ogni ora, sarà mio compito raccogliere i rifiuti e occuparmi inoltre della pulizia del bagno pubblico, e ogni due mesi della pulizia della fontana».

Quali iniziative o eventi in vista?

«Per quest’anno contavo di organizzare un paio di eventi: un acustico live per aperitivo e una serata di cabaret, ma per le misure anti-covid è in fase di valutazione, preferisco agire con prudenza.

Per gli anni a venire, ci sono tante iniziative in cantiere, tra cui anche una serata di teatro, oltre a una serata karaoke, sempre capace di coinvolgere ogni fascia d’età, una di cabaret, musica dal vivo, corsi di scacchi con Luigi Ramini  e anche una serata dedicata alla presentazione di libri.

Sono solito organizzare un contest musicale di freestyle rap e hip hop.

Inoltre, un evento che mi piace moltissimo è il Carioca Party: si tratterebbe del decimo anno per questa festa brasiliana con cucina tradizionale, esibizione di samba e capoeira, e con  introduzione alle danze brasiliane per i più piccoli.

Si torna operativi con l’entusiasmo, e l’energia e soprattutto con i molti messaggi di affetto delle persone, contenti di vedermi di nuovo qui!».

38912431_10204927997317858_8932430071755440128_o

E con lo stesso sentimento di affetto per gli avventori e i clienti del locale che Matteo Montesi lancia un appello: per lavorare nel migliore dei modi e garantire sicurezza, occorre anche una partecipazione proattiva, per poter lavorare serenamente. «Mai abbassare la guardia, che il virus è ancora in giro! Non si tratta di fare terrorismo psicologico: noi siamo a norma e lavoriamo nel rispetto di tutte le misure di sicurezza, ma il contributo dei clienti è fondamentale» spiega Montesi, e ci auguriamo che questo monito possa essere utile».

A cura di Giovanna Borrelli

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.