Riaprono le scuole, ritorno ai banchi per quasi 9 mila alunni

JESI – “Il più grande in bocca al lupo agli alunni per l’avvio del nuovo anno scolastico e l’augurio a dirigenti, insegnanti e personale tutto di poter svolgere il proprio lavoro con profitto e soddisfazione, nella comune consapevolezza dell’importante ruolo della scuola per la crescita della nostra comunità”.

Così il sindaco Massimo Bacci alla vigilia dell’apertura del nuovo anno scolastico che porterà sui banchi della nostra città 8965 alunni. Ai 414 bambini dei nidi che hanno ripreso l’attività ad inizio del mese, da giovedì si aggiungeranno infatti 1073 alunni della scuola dell’infanzia (25 in media per classe), 1798 della primaria (in ogni classe in media 23 bambini), 1104 della secondaria di 1° grado (dove la media per classe scende a 22) e 4576 delle superiori, questi ultimi distribuiti nei 9 istituti presenti in città con Scientifico-Linguistico (1021), Itas (720) e Classico-Psico Socio Pedagogico (709) che registrano le maggiori iscrizioni.

Entro domani l’Area Tecnica del Comune avrà completato il taglio dell’erba in tutte le scuole di competenza, provvedendo anche a ridisegnare le strisce pedonali laddove se ne è ravvisata la necessità. I 91 alunni della scuola primaria “Mazzini”, dopo un anno trascorso nella sede provvisoria di piazza Federico II, torneranno nelle loro classi essendo stati completati in largo anticipo rispetto alle previsioni i lavori di adeguamento sismico finanziati dal Ministero per circa 800 mila euro che hanno permesso anche di rimettere a nuovo le aule. Nella cerimonia di riapertura, fissata per sabato mattina alle 11, si festeggerà anche l’inaugurazione della sede Unicef di Jesi che sarà ospitata proprio in un’aula di questa scuola, rafforzando con ciò il legame tra la benemerita associazione e le giovani generazioni.

Completati i lavori nel plesso A della primaria “Garibaldi”, sono iniziati i lavori nel plesso B che non inficeranno sull’attività didattica. In questo caso l’intervento, per circa 700 mila euro, è destinato alle sistemazione delle parti non strutturali degli edifici e finanziato sempre con risorse ministeriali. Pressoché ultimati anche i lavori alla primaria “Cappannini” per il rispetto delle nuove norme antincendio e l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Da lunedì, poi, con due settimane di anticipo rispetto al passato, partirà anche il servizio di refezione scolastica, che è stata esternalizzato per coniugare al meglio l’efficienza della gestione del privato alle garanzie del controllo pubblico.

Sono 2088 gli alunni che riceveranno quotidianamente i pasti preparati nelle cucine della casa di riposo con prodotti regionali e comunque a filiera corta, privilegiando quelli a marchio QM (Qualità delle Marche) che rispondono ai seguenti requisiti: no OGM, qualità superiore, sicurezza alimentare, rispetto dell’ambiente, benessere degli animali e trasparenza a tutti i livelli. Da agricoltura biologica le produzioni di frutta, verdura, uova, formaggi, biscotti e fette biscottate. Per la carne, almeno il 60% proviene da allevamenti con certificazione biologica. Previsti rigorosi meccanismi di controllo affidati, oltre alle autorità preposte, anche ai Comitati mensa costituiti dai genitori.

Per le famiglie un evidente risparmio, anche grazie ad una rimodulazione delle fasce di reddito decise dall’Amministrazione comunale, scese da 12 a 6. Chi ha un reddito basso beneficerà di un contributo comunale pari a due terzi del costo del servizio, che diminuirà progressivamente per i redditi più alti, fino a scomparire per l’ultima fascia, dove però il prezzo pieno, a carico della famiglia, si riduce sensibilmente. Da tener conto, poi, che ogni famiglia pagherà solo per i pasti effettivamente consumati dai rispettivi figli: se in passato non si teneva conto delle assenze dei bambini per malattia o altro – e dunque la retta mensile era sempre la stessa – da quest’anno il pagamento è legato solo ai giorni di presenza.

Con un servizio così meglio organizzato, che tra l’altro assorbe l’intero personale sia pubblico che delle ditte private, il Comune di Jesi risparmierà oltre 300 mila euro l’anno, risorse che saranno utilizzate sempre a beneficio delle scuole della città.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*