Ricatti e minacce dal pusher per droga non pagata, studentessa nei guai | | Password Magazine

Ricatti e minacce dal pusher per droga non pagata, studentessa nei guai

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SENIGALLIA –  I Carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno arrestato un diciottenne, incensurato, per estorsione aggravata.

Al giovane, che lavora nel ristorante di famigliaè stato contestato anche il reato di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Le indagini – condotte con discrezione e rapidità dalla Stazione di Senigallia, agli ordini del Luogotenente Raffaele Lopriore – sono partite dalla denuncia di una ragazza senigalliese, accompagnata in caserma dal papà. La ragazza era stata messa alle strette dall’indagato e temendo fortemente gravi ritorsioni, aveva deciso di rivolgersi ai Carabinieri. Il suo coraggio di denunciare l’ha salvata

Il diciottenne, la sera del 4 marzoal culmine di una serie di sms e messaggi su WhatsApp dal tono intimidatorio e così frequenti da apparire una persecuzione, aveva costretto la vittima a recarsi ad un appuntamento con lui.

Con fare minaccioso  si era impossessato della bicicletta con la quale lragazza era giunta all’incontro, per costringerla a pagare 600 euro a fronte di un supposto debito di 400 euro per precedenti forniture di “marijuana” avvenute nei mesi di ottobre e novembre 2016. Già a fine gennaio la ragazza era stata oggetto di un pesante avvertimento. Il diciottenne infatti, aveva preteso la restituzione del debito che all’epoca ammontava a 500 euro e in caso contrario si sarebbe rivolto direttamente ai genitori della ragazza. La poverina non avendo il denaro richiesto e in preda al panico perché non voleva che la questione giungesse all’orecchio dei genitori, aveva cercato un accordo. Il diciottenne quindi aveva stabilito che, a partire dall’11 febbraio, per rientrare del debito, avrebbe dovuto versare 100 euro ogni settimana e qualora non avesse rispettato l’accordo i 100 euro settimanali si sarebbero sommati ai 500 Euro inizialiUn vero e proprio accordo a tasso usuraio. Allo scadere della prima settimana la ragazza era riuscita a consegnare i primi 100 euro ma poi, in quanto studentessa e senza reddito autonomo, non ce l’aveva fatta a mantenere i patti. Però ha trovato il coraggio della giusta decisione: raccontare tutto ai genitori e chiedere aiuto a loro per uscire dal giro. E così è stato.

Il papà si è rivolto ai militari della Caserma di Via Marchetti dove ha accompagnato la figlia per la denuncia.

Domenica sera, i Carabinieri della Stazione con il supporto dei colleghi della Compagnia hanno eseguito un mirato servizio di osservazione che ha consentito di bloccare il diciottenne nel parco sotto a via Po’ mentre si allontanava dopo essere uscito da un esercizio pubblico dove aveva appena intascato la tangente estorsiva di 600 euro consegnatagli dalla ragazza. Sottoposto a perquisizione il giovane è stato trovato in possesso di una banconota da 200 euro e quattro banconote da 100 euro che i Carabinieri avevano fotocopiato prima della consegna.

Gli investigatori hanno eseguito subito la perquisizione nell’abitazione del fermato, che ha consentito di rinvenire quasi 10 grammi di hashish e di recuperare la bicicletta sottratta alla ragazza.

La somma di denaro recuperata è stata restituita al papà della denunciante che invece ha riavuto la sua bicicletta.

Infine al diciottenne arrestato è stato sequestrato il telefonino per verificare i contatti con la vittima ed il verosimile coinvolgimento nella vicenda di altri complici.

Dopo le formalità di rito il giovane è stato associato alla Casa Circondariale di Ancona Montacuto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.