Riconoscimento per la Croce Verde di Jesi per l'impegno prestato durante l'emergenza sanitaria | Password Magazine

Festival Pergolesi

Riconoscimento per la Croce Verde di Jesi per l’impegno prestato durante l’emergenza sanitaria

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Consegnato alla Croce Verde di Jesi un attestato di riconoscimento per l’impegno prestato per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covid-19.

Grande orgoglio e soddisfazione per la Croce Verde di Jesi nell’apprendere di essere stati premiati da parte dell’Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) per il grande impegno e lavoro svolto per fronteggiare l’emergenza sanitaria nel 2020 e 2021.

attestato Croce Verde Jesi

Consegnato due settimane fa, l’attestato è ora appeso nella sede della P.A. Croce Verde di Via Cappannini a Jesi come simbolo di una lotta fronteggiata con responsabilità, coraggio e forza di volontà: «Sono stati anni sicuramente difficili, soprattutto all’inizio quando non si sapeva bene che cosa fosse questo virus e quado tutti i DPI erano introvabili e con prezzi alle stelle – spiega il Presidente dell’associazione, Samuele Piersanti – e in due anni ne sono cambiate di regole e normative, ma con tanto animo e forza siamo scesi in campo tutti i giorni per dare il meglio di noi e al meglio delle nostre possibilità. Siamo quindi veramente orgogliosi e fieri di aver ricevuto questo attestato. Per noi significa molto.».

I servizi di emergenza fatti nell’anno 2021 sono stati 3700 per le zone di Jesi e la Vallesina e, anche se il numero è pressoché uguale a quello degli anni scorsi, ad essere cambiata è l’emergenza in sé: «Il servizio è diventato molto più pesante e lungo – spiega la volontaria Responsabile per le comunicazioni e direzione social, Maria Sas – soprattutto per tutti quei DPI che dobbiamo indossare, tra mascherine, guanti e tute protettive da cambiare ad ogni servizio, alla stessa sanificazione dell’abitacolo dell’ambulanza e della sede».

In Croce Verde ci sono attualmente 14 dipendenti e, prima della pandemia, si potevano contare fino a 50 volontari; ora invece, a causa della paura per il Covid, i volontari scarseggiano: «Abbiamo un’ambulanza sempre attiva h24 sette giorni su sette per il sevizio d’emergenza, e una seconda attiva h12, esclusi i festivi, per coprire tutto il territorio di Jesi e la Vallesina – prosegue Maria – nel 2021 abbiamo fatto un totale di 7000 servizi tra quelli secondari e d’emergenza e, anche se i dipendenti ce la mettono tutta, il volontario resta comunque una risorsa essenziale e fondamentale per una PA come la nostra. Speriamo che con il rallentare della pandemia, torni anche la voglia di fare volontariato in Croce Verde, anche perché, diciamola tutta, è un mondo talmente bello che poi non ne puoi più fare a meno».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.