“Ricordi in musica”, la mostra Rotary incanta anche Nicoletta Mantovani Pavarotti

JESI – Jesi esporta cultura e lo fa anche per il tramite del Rotary. Il 13 maggio è stata inaugurata a Pesaro la seconda tappa della mostra “Ricordi in musica”, nell’ambito di un ideale tour cominciato proprio dalla città di Federico II il 23 marzo scorso. Tutto è iniziato con la donazione alla sua città natale, per l’appunto Jesi, di un complesso di oltre 3mila dischi, in bachelite e vinile, da parte del prof. Sergio Angeletti. Il club jesino del Rotary, dopo un enorme lavoro di catalogazione, è riuscito a farne una collezione permanente ed una mostra itinerante, grazie anche al coinvolgimento dei club Rotary Altavallesina – Grotte Frasassi, Fabriano, Falconara Marittima, Fano, Pesaro Rossini, Senigallia e Urbino.

Lunedì scorso si è aperto dunque il sipario sulla mostra pesarese, con una proposta legata al binomio Rossini-Pavarotti, presso la Loggia del Genga a palazzo Ducale, alla presenza del prefetto di Pesaro-Urbino Vittorio Lapolla, del governatore del Distretto Rotary 2090 Gabrio Filonzi e del presidente del club jesino Paola Duca. Un importante riconoscimento in sinergia con il Rotary Pesaro Rossini ed il Rotary Pesaro, dal momento che l’esposizione ha dato anche il via al prestigioso Rossini International Prize, per la direzione artistica di Francesca Matacena. Una grande manifestazione, giunta alla XVI edizione, in collaborazione con il ministero dell’Istruzione Università e Ricerca, il patrocinio del Rossini Opera Festival, della Fondazione Rossini e della Fondazione Pavarotti. Particolare apprezzamento è stato espresso dalla vedova del maestro Pavarotti, Nicoletta Mantovani, che ha visitato l’esposizione pesarese, curata dalla prof.ssa Matacena e dalla dott.ssa Natascia Baiocchi per il Rotary Pesaro Rossini, e ne è rimasta particolarmente colpita e commossa.

E dopo Pesaro, toccherà ad Urbino, dove il locale Rotary farà rientrare l’iniziativa nelle celebrazioni per l’inserimento della città montefeltresca nel patrimonio Unesco. Infine, di nuovo a Jesi, dal 21 al 23 giungo a Palazzo dei Convegni, in concomitanza con il congresso di distretto. Il service rotaryano continua insomma nel solco dell’eccellenza e dà testimonianza dell’ottimo lavoro svolto dal distretto presieduto dal dott. Gabrio Filonzi e dal club jesino guidato dall’avv. Paola Duca. La quale, prossima a passare il testimone, incornicia un anno di presidenza, tanto per dirla con la mostra, davvero da ricordare. Anche e soprattutto… in musica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*