«'Rifacimento' non è 'spostamento': così lascito dirottato a associazioni» | Password Magazine
Lulù  

«’Rifacimento’ non è ‘spostamento’: così lascito dirottato a associazioni»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  «Questo non è ‘riportare la fontana in Piazza della Repubblica’, questo è ‘demolire la fontana dei leoni e costruirne una praticamente da zero in Piazza della Repubblica’.
Sono certo che non intendeva questo mio padre, con le parole del testamento, non desiderava certo che la fontana – custode dei suoi ricordi jesini e ammantata dell’aura del tempo – venisse rasa al suolo». Parole di indignazione arrivano dal figlio di Cassio Morosetti, il vignettista jesino che ha lasciato in eredità alla città 2 milioni di euro vincolati però allo spostamento della fontana da piazza Federico II a piazza della Repubblica, in quella che fu la sua sede originaria fino al 1949.

20210410_182412~2

Il commento di Roberto Morosetti è apparso sulla pagina Piazzalibera del comitato contrario allo spostamento della fontana, in riferimento a uno dei post di aggiornamento sui lavori in corso nelle due piazze. Proprio in questi giorni, la fontana dei leoni è stata quasi del tutto smantellata, con l’obelisco che è rimasto al centro della piazza.

Screenshot_20210410-183329_Facebook~2

Screenshot_20210410-183335_Facebook~3

«Non gliene sarebbe importato nulla di una fontana nuova (praticamente un simulacro di quella originale) e sono parecchio inc****to anch’io per come sono andate le cose».

E aggiunge: «Ho parlato brevemente con l’esecutrice testamentaria e a questo punto non è per niente scontato che lei e il tribunale di Milano, che deve ratificarne l’azione, riterranno esaudite le volontà di mio padre. E se la cosa non verrà giudicata “Spostamento” ma “Rifacimento” il lascito verrà dirottato alle associazioni di beneficenza.
L’operazione e il relativo progetto andavano preliminarmente discussi con l’esecutrice testamentaria, e se un vero “spostamento” non si poteva fare, non lo si faceva.
Di una triste “fontana nuova” non se ne fa niente nessuno, né mio padre, né io, né il Comune, né la cittadinanza, che a questo punto spero vivamente riesca a fermare i lavori».

«Le parole del figlio di Morosetti sono molto chiare – è il commento del comitato PiazzaLibera – è molto probabile che oltre ad essere senza piazze per non si sa quanto, oltre a non avere più la Fontana dei Leoni, saremo noi tutti a pagare questo scempio, senza nessun tesoretto da spendere per Jesi».

Già il mese scorso Morosetti era intervenuto sui social per chiedere al sindaco di fare dietro front sulla decisione di accettare il lascito.

Il sindaco Bacci aveva replicato di essere convinto della scelta, con già «l’iter dei lavori pienamente operativo». In piazza della Repubblica, intanto, procede anche il secondo cantiere: nei giorni scorsi è stato rimosso il mosaico con il leone che sarà riposizionato in una disposizione ancora al vaglio dell’Amministrazione comunale.

Banner-Montecappone
Montecappone

1 Commento su «’Rifacimento’ non è ‘spostamento’: così lascito dirottato a associazioni»

  1. se il tribunale di Milano, ratifica il non congruo spostamento, quindi il non procedere, con il lascito testamentario Morosetti, i soldi per lo spostamento e la messa in disuso di due piazze, i danni provocati all’erario e soprattutto ai cittadini ai quali ha chiuso due piazze, li paga con euro di tasca sua il sig, sindaco Bacci e tutta la sua giunta comunale complice.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.