Rifiuti abbandonati sulle sponde dell'Esino, cittadini si attivano per ripulire | | Password Magazine

Rifiuti abbandonati sulle sponde dell’Esino, cittadini si attivano per ripulire

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Rifiuti abbandonati lungo le sponde dell’Esino. Gli scaricatori seriali di oggetti da buttare sono arrivati a gettare spazzatura anche a ridosso del fiume, correndo anche il rischio di finire in acqua. In particolare, nel tratto a ridosso del Ponte San Carlo, non ci sono solo sacchi contenenti bicchieri e piatti in plastica, bottiglie, cartacce e così via, ma anche mobili interi: divani, sedie, tavolini, poltrone. Il tutto laddove riaffiorano gli antichi pali dove un tempo attraccavano le navi (foto sotto).

L’indignazione per il non assoluto rispetto per l’ambiente ha portato alcuni cittadini ad organizzarsi per una spedizione di pulizia. «Jesi proprio quest’anno è stata protagonista di tante iniziative e manifestazioni promosse dagli studenti jesini, dai loro insegnanti e da tanti cittadini sensibili al tema dei mutamenti climatici e alla difesa dell’ambiente – dicono – Proprio a tutti loro chiediamo aiuto per promuovere nel più breve tempo possibile una giornata per ripulire almeno un tratto dell’Esino (ad esempio quello della zona del Ponte San Carlo) che persone incivili hanno utilizzato come una discarica. Per chi fosse disponibile lo invitiamo a contattarci in modo che poi chiederemo i permessi al Comune e a Jesi servizi per ripulire almeno un tratto del fiume». 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.