Rifiuti organici alla Coppetella, impianto all'avanguardia: «Non è una discarica» | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Rifiuti organici alla Coppetella, impianto all’avanguardia: «Non è una discarica»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

JESI – Residenti del quartiere Coppetella sul piede di guerra, dopo aver appreso dell’intenzione dell’Ata – l’assemblea Territoriale di Ambito che si occupa della gestione in forma integrata dei rifiuti urbani – di edificare nel quartiere un impianto per il trattamento dei rifiuti urbani.

«La Coppetella è diventata la discarica della città», dicono gli abitanti della zona già costretta a convivere con una centrale biogas e, ben presto, con il metanodotto della SNAM, che si svilupperà per un tratto di 37 chilometri lungo Falconara-Jesi- Recanati. «Qui manca anche la differenziata e spesso gli abitanti si vedono costretti a fare conti con chi arriva e abbandona al cassonetto rifiuti ingombranti di vario genere. Abbiamo accettato tutto e troppo – fa sapere Emanuel Santoni, referente per il comitato di quartiere – Sul metanodotto, non si poteva fare niente e abbiamo ingoiato il rospo. Ora, dato che la costruzione o meno dell’impianto è ancora in fase di valutazione, vorremmo poter dire la nostra ed essere ascoltati dall’Amministrazione».

Attualmente, l’Amministrazione comunale, preso atto dei pareri dell’Ata, si è riservata del tempo per effettuare i dovuti approfondimenti: solo se ci sarà una convergenza politica a 360 gradi, ha fatto sapere il sindaco Bacci, si procederà all’accoglimento della proposta.

Rifiuti abbandonati alla Coppetella

Pertanto, la Giunta chiederà che venga istituita una commissione consiliare specifica sul tema. L’impianto, se non a Jesi, troverà collocazione nel territorio della provincia di Ancona, al momento sprovvista di sistemi di gestioni dell’umido e costretta a sostenere spese ingenti per il trattamento del rifiuto. Accogliere un impianto simile in loco comporterebbe dunque ad un dimezzamento dei costi con cali sulla bolletta del cittadino.

«Non una discarica ma un impianto all’avanguardia per il trattamento dei rifiuti organici» puntualizza l’assessore all’Ambiente del Comune di Jesi Cinzia Napolitano: «La digestione del rifiuto avverrebbe in un ambiente stagno completamente privo di ossigeno. Il materiale prodotto da questo digestore diventa un fango che viene lavorato con il verde – erbe e falci – in ambienti a pressione dove l’aria entra ma non esce, grazie ad appositi sistemi di filtraggio. Il rifiuto organico si trasforma così  in compost di alta qualità da riutilizzare nell’agricoltura. Una tecnologia ottimale che non lascia residui e non causa cattivi odori». L’assessore sta visitando in questi giorni impianti già presenti in altre città di Italia per le dovute verifiche: «Dai rifiuti si ricava una specie di terriccio, pronto al riuso».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.