Rifiuti speciali occultati nelle cave, traffico illecito e corruzione: arresti e denunce | | Password Magazine

Rifiuti speciali occultati nelle cave, traffico illecito e corruzione: arresti e denunce

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Traffico illecito di rifiuti speciali, scattano grazie alle indagini dei Carabinieri Forestali dei Gruppi di Ancona, Macerata, Ascoli Piceno e Rimini misure cautelari a carico di 5 soggetti e 4 società (3 con sede legale nell’anconetano e una Rimini), così come disposto dal GIP del Tribunale di Ancona.

L’operazione è frutto di ricerche avviate nel 2018, dirette dalla Procura Distrettuale Antimafia di Ancona e condotte dai Carabinieri del Gruppo Carabinieri Forestale di Ancona.

Due persone sono state collocate agli arresti domiciliari: si tratta di un 64enne e di un 36enne, entrambi residenti in provincia di Ancona; una persona è stata colpita da obbligo di dimora, due invece da misura interdittiva del divieto di esercitare attività imprenditoriale. Tutti i soggetti sono stati accusati del delitto di attività organizzata per il traffico illecito di rifiuti speciali e due di esse anche per corruzione di pubblici ufficiali e bancarotta fraudolenta.

Disposto inoltre il sequestro per equivalente di denaro o altri beni per un totale di 4.969.924 euro attraverso il blocco dei conti correnti bancari e postali.

Si parla di un traffico illecito di 640 mila tonnellate di rifiuti speciali da demolizione, terrosi e organici, anche contaminati da inquinanti, tra cui idrocarburi, catrame, plastiche e metalli. 

Tali rifiuti, provenienti da oltre 50 cantieri nelle provincie di Ancona e Macerata sono stati occultati a diverso titolo in tre cave nei Comuni di Fabriano, Arcevia e Jesi, in un terreno agricolo in Comune di Chiaravalle, in tre impianti di gestione rifiuti da demolizione e terrosi/lavorazione inerti rispettivamente nei comuni di Castelbellino, Corridonia, Camerata Picena e in un cantiere edile in comune di Camerata Picena.

Dal quadro indiziario emerge un ampio disegno criminoso, volto all’ottenimento di un rilevante ingiusto profitto economico, messo in campo da due amministratori di una società di gestione e lavorazione dei rifiuti da demolizione, sita nell’anconetano, in concorso con altri 20 indagati. I due organizzavano il traffico illecito dei rifiuti speciali, omettendo di provvedere alle spese di recupero e conferimento presso siti autorizzati.

Abbattendo tali spese, gli indagati riuscivano ad acquisire appalti presso numerosi cantieri della provincia di Ancona, evitando la concorrenza delle altre aziende locali. I rifiuti terrosi, giustificati come terreno vegetale da riutilizzare per la rinaturalizzazione, venivano anche occultati presso siti di cava, sospesi o pignorati, dove, contestualmente agli scarichi dei rifiuti, veniva prelevato abusivamente un ingente quantitativo di materiale inerte destinato poi al commercio nei cantieri edili, così da dissimulare di fatto lo stato di crisi delle società autorizzate alla coltivazione delle cave, riconducibili ad uno dei due indagati. Il prelievo illegale era reso possibile anche dai mancati controlli da parte delle autorità preposte, grazie al concorso di un funzionario e un dirigente del comune di Fabriano, di un funzionario della provincia di Ancona e di un funzionario della Regione Umbria, tutti indagati a diverso titolo per corruzione e abuso d’ufficio. 

In una cava di Arcevia, amministrata da uno dei due arrestati e vincolata da pignoramento, sono state occultati in pochi mesi circa 450 tonnellate di rifiuti organici all’interno di una buca scavata nel materiale inerte, con evidente e serio rischio di inquinare le acque di un lago di falda limitrofo. Rifiuti che provenivano principalmente da un impianto di produzione compost nel comune di Senigallia, amministrata da un 47enne che si accordava con il gestore della cava per lo smaltimento illecito del rifiuto, risparmiando così sensibilmente sulle spese di recupero.

Con il concorso del co-amministratore di un impianto di frantumazione inerti a Camerata Picena, i due arrestati hanno concordato anche lo smaltimento illecito di non meno di 3.480 tonnellate di rifiuti terrosi, alcuni dei quali contaminati da idrocarburi, provenienti da cantiere sito nel Porto di Ancona, altri, invece, contaminati da catrame, provenienti da non meno di 13 cantieri tra cui porto e stazione ferroviaria di Ancona. I rifiuti, che viaggiavano con formulari recanti destinazione impianto di gestione sito a Castelbellino, in realtà venivano scaricati a Camerata Picena, in impianto non autorizzato a ricevere rifiuti, e, successivamente, ricaricati su camion del succitato impianto per essere poi smaltiti come terreno vegetale presso una cava di ghiaia sita nel comune di Jesi, con serio rischio di inquinamento dell’area agricola.

Altre 3.710 tonnellate di rifiuti terrosi venivano trasportate con i camion dell’azienda co-amministrata dai due arrestati, da cantieri ferroviari siti in provincia di Macerata sino ad un impianto di gestione rifiuti di Colbuccaro di Corridonia, coinvolto nel piano criminoso, utilizzando formulari di trasporto rifiuti che recavano quale sito di destinazione l’impianto di Castelbellino. Questo ovviamente consentiva a notevoli risparmi sulle spese di trasporto. 

Numerosi altri conferimenti illeciti venivano pattuiti sia con il titolare di un’azienda agricola sita nel Comune di Chiaravalle, sia con il titolare di un’azienda di costruzioni di Belvedere Ostrense . Tutti i trasporti viaggiavano con formulari recanti quale sito di destinazione Castelbellino, venendo, però, di fatto scaricati in siti non autorizzati, allo scopo di risparmiare sui trasporti, ma generando, così, un serio rischio di contaminazione delle aree agricole.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.