Rifondazione comunista aderisce al Corteo per la pace: "Basta guerra contro i poveri" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Rifondazione comunista aderisce al Corteo per la pace: “Basta guerra contro i poveri”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Anche Rifondazione Comunista aderisce alla manifestazione di oggi (26 agosto, ore 15.30 dall’Arco Clementino) indetta dalle comunità islamiche contro il terrorismo e per la pace. A sottolinearlo alla stampa sono Marina Melappioni, nella Commissione Migranti che opera a livello regionale insieme a Sergio Ruggeri e la segretaria di Federazione di Ancona Maria Letizia Ruello, affiancate dall’autorevole presenza di Giovanna Capelli, della Direzione nazionale nonchè membro dell’esecutivo Sinistra europeo.

“Rifondazione ci sarà per dimostrare solidarietà concreta e perché è un appuntamento, purtroppo finora l’unico nelle Marche, che può contribuire a pensare insieme progetti di integrazione, piattaforme per i diritti, movimenti e organizzazioni per realizzarli – dicono – Un appuntamento vivo che può prevedere obiettivi e altre iniziative capaci di infrangere il muro di intolleranza costruita nel senso comune dal senso comune”.

Delusione però per la scelta di “blindare” il corteo, negando ogni possibilità di “riempirlo di contenuti”.

“Stiamo assitendo ad un attacco alla democrazia e a una guerra contro e non tra poveri, all’intolleranza verso i diversi, alla semina della zizzania dell’ignoranza: è questo il loto che nasconde agli sfruttati la loro condizione, che trasforma la rabbia per la precarietà, per salari che non vedono la fine del mese, per la sanità che non cura, in odio verso i diversi – dichiara la segretaria Ruello – Le risorse ci sono ma non ve lo dicono, se le tengono strette, per schiacchiare ancora di più il ceto medio verso la debolezza”.

Su questo insiste anche la Capelli: “I soldi ci sono ma è la distribuzione che non è equa: manca attualmente in Italia una politica economica popolare”.

La Capelli ha poi spiegato la contrarietà di Rifondazione verso la legge Bossi -Fini, “inaduegata e crimonogena, per aver introdotto il resto di clandestinità”. No anche al decreto del Ministro Minniti con le esternalizzazioni delle frontiere.

“Una legge che non difende i diritti – afferma la politica – I migranti sono persone che fuggono dalle guerre dei loro Paesi e da quelle che abbiamo provocato noi occidentali, dal clima, per un’aspettativa di vita migliore. Chi ha bisogno di aiuto va aiutato, secondo l’applicazione delle leggi internazionali”. Rifondazione Comunista propone una revisione delle politiche europee sull’immigrazione e gestione dell’arrivo dei profughi attraverso corridoi umanitari. “Basta intolleranza, restiamo umani”.

Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.