Rilasciato sul Conero raro esemplare di Falco di Palude. Momento toccante per i soccorritori | | Password Magazine

Rilasciato sul Conero raro esemplare di Falco di Palude. Momento toccante per i soccorritori

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Ritrovato in grave difficoltà al largo di Ancona, uno splendido falco di Palude è tornato a volare.  Grande lavoro degli uomini della Stazione forestale di Ancona, con la collaborazione dei veterinari della Clinica Veterinaria Dorica di Ancona, che ha ridato la libertà ad uno splendido esemplare femmina di Falco di Palude, rinvenuto al largo da un’imbarcazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Ancona. L’animale al momento del rinvenimento galleggiava, probabilmente esausto a causa del prolungato digiuno dovuto alla lunga migrazione che spinge i rapaci, in questo periodo, a spostarsi dai paesi dell’Est-Europa ad areali più caldi del bacino del Mediterraneo meridionale. Messo in salvo, è stato consegnato al personale del Corpo Forestale dello Stato in servizio presso la Centrale Operativa Regionale che ha provveduto a trasferirlo presso la Clinica Veterinaria Dorica di Ancona, dove è stato ricoverato per alcuni giorni per gli accertamenti e le terapie del caso. Il raro esemplare è quindi riuscito a riprendere il suo volo verso il Sud, liberato su di un pianoro del Parco del Conero. Un momento emozionante per gli addetti ai lavori: alzatosi in volo, infatti, l’animale è rimasto fermo alcuni secondi librandosi nell’aria, a guardare il mare in una splendida giornata di fine estate, per poi virare decisamente verso sud e riprendere il tragitto interrotto.

Il volo del Faldo di Palude

Soccorso anche un esemplare di martin pescatore, rinvenuto da un’agente della Guardia di Finanza in una banchina del Porto di Ancona. L’esemplare in palese difficoltà è stato soccorso dal personale del Nucleo Operativo CITES del Corpo forestale di Ancona, che ha provveduto all’affidamento per le cure del caso al centro di soccorso fauna selvatica dell’E.N.P.A..

Martin Pescatore

Come ogni anno, durante il periodo della migrazione degli uccelli giungono numerose segnalazioni al numero di emergenza ambientale 1515 del Corpo forestale dello Stato relative ad avifauna in difficoltà, ma purtroppo sono sempre più rare le strutture convenzionate idonee a garantire le necessarie cure agli animali selvatici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.