"Rina", il teatro sotto le stelle

JESI – Prima rappresentazione a Jesi dello spettacolo teatrale “Rina”, di e con Michele Casadei e Valentina Bonafoni. La pièce, che andrà in scena mercoledì prossimo, alle 21.30, nel cortile dell’Appannaggio con ingresso libero, prende lo spunto da una storia vera, in cui il paradosso e l’ironia si mescolano a temi etici di grande spessore. Nel dopoguerra un’azienda farmaceutica italiana crea un farmaco per la cura dell’infertilità femminile, sintetizzandolo a partire dalle urine delle donne in menopausa. Questo lo spunto reale che introduce le parti in causa, rappresentate da mondi tra loro assai distanti: l’industria farmaceutica, lo Ior, la potente banca del Vaticano e i monasteri di clausura, luoghi dove è massima la concentrazione di donne in età matura e dove sono state individuate le potenziali “donatrici”.

Lo stupore, la vergogna, l’imbarazzo e poi, poco a poco, la comprensione, l’adesione ad un progetto, perfino la competizione per aver riconosciuto in quelle così insolite donazioni spontanee un vero dono divino sono i momenti psicologici che scandiscono il percorso delle monache di clausura, che possono riscoprirsi donne e madri nella purezza incontaminata e virginale di una sorta di terrena Immacolata Concezione.

“Rina” risulta uno spettacolo divertente e commovente al tempo stesso, giocato sulla voce, con decine di personaggi fortificati e caratterizzati dal loro dialetto d’origine alternati a voci narranti, in una messa in scena a metà tra una rappresentazione classica e un reading teatrale, completata dalla contaminazione artistica dell’arte visiva e musicale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*