Banner Aprile IH Victoria

«Ripartiamo insieme»: l’appello degli esercenti di Jesi in piazza

JESI- Promuovere il dialogo fra istituzioni e commercianti: questo il motivo per cui si è tenuta oggi pomeriggio in Piazza della Repubblica una manifestazione con protagonisti i rappresentanti di oltre 90 attività commerciali di Jesi.

Con la chiusura obbligatoria in periodo di quarantena, ristoratori, esercenti del settore Horeca, baristi, pasticceri e pizzaioli si ritrovano in condizioni difficili: ripartire con limitazioni di spazio all’interno dei locali, rivisitati per garantire a tutti gli utenti di frequentarli in totale sicurezza, non aiuta sicuramente chi deve contemporaneamente servire la clientela e controllare che siano disposti le condizioni di sicurezza previste dall’ultimo DPCM.

«Abbiamo spinto per un dialogo fra istituzioni ed associazioni di categoria, immaginando un modo per ripartire, ottenendo però più debiti, e poche certezze. Siamo riusciti a mettere pressione a chi doveva, in ambito locale, affrontare con misure di emergenza, questa crisi. – spiega Marco Tombini, gestore del Jack Rabbit e rappresentante del gruppo locale #ristoritalia- Ringraziamo il Comune di Jesi per il lavoro svolto nell’ultima settimana dove, dall’assoluta indecisione, siamo passati alle certezze. Certezze di poter utilizzare aree pubbliche per poter compensare le misure di contingentazione, certezza sui protocolli sanitari da adottare, certezza di avere un alleggerimento delle tasse comunali.

Siamo convinti che non ci si debba ridurre all’ultimo per prendere queste decisioni: i decreti e i protocolli si sono succeduti in maniera schizzofrenica: se avessimo reagito prima insieme fin da subito, avremo fissato parametri migliori e saremo stati più efficaci.

Chiediamo quindi alla politica di esporsi con coraggio, anche quando non ci sono certezze economiche o indicazioni dall’alto, ma quando è necessario farsi sentire per infondere fiducia nei cittadini».

Un dialogo aperto alla cittadinanza, ma anche a tutti gli altri esercenti: se prima la visione tra i vari attori del territorio era disgiunta, ora l’assoluta necessità è quella di avere e farsi sentire per un obiettivo comune, che è quello di far ripartire Jesi e il suo turismo, a partire dall’accoglienza in sicurezza dei locali. Una visione comune ben evidenziato anche dalle parole di Rudi Curzi del Ristorante ViViziamo, Simone Bozzi del Bar Hakuna Matata e di Riccardo Pierantonietti di Man Cave Cafè, che sono intervenuti durante la manifestazione.

A dimostrazione dell’efficacia di questo neo-generato movimento #ristoritalia, sono intervenuti anche Lorenzo Vedovidi Fano, insieme allo chef stellato Lucio Bombini e all’avvocato Orgiani.

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.