Ripartire dalle eccellenze per rilanciare il Turismo. Dati in calo nelle Marche dopo il terremoto

MARCHE –  Il terremoto ha cancellato i risultati di una stagione turistica con numeri in crescita di oltre il 10% in termini di flussi in tutto il territorio marchigiano e che si è drammaticamente interrotta dal 24 agosto scorso, segnando un crollo delle prenotazioni totale dopo il sisma con in aggiunta la cancellazione di quelle che erano state già effettuate.

C’è una forte e determinata volontà di tutti a rilanciare l’offerta turistica di tutte le Marche – colpite nell’entroterra maceratese, fermano ed ascolano oltre che dal sisma anche da un’ondata mediatica negativa che nuoce in termini di economia del turismo all’intero territorio, anche quello non danneggiato – con particolare attenzione all’entroterra ferito, alla sua promozione e valorizzazione delle eccellenze culturali e naturalistiche. Gli eventi sismici dei mesi scorsi, hanno determinato in tutti una grande apprensione, generando anche nelle province di Ancona e Pesaro un crollo delle prenotazioni per la stagione invernale e primaverile tantissime disdette.
Questa situazione mette in difficoltà le imprese turistiche e l’intero sistema dei servizi marchigiani, non direttamente coinvolti dall’evento sismico, che non hanno subito danni, che sono sicure e molto qualificate nell’ offerta turistica e nell’ erogazione dei servizi. Una dimostrazione concreta è data anche dall’ospitalità delle diverse migliaia di sfollati sulle strutture turistiche presenti lungo la costa a partire da quelle ascolane maceratesi ed anconetane.

Il dato è allarmante: la British Tourist Authority (BTA), l’Autorità Britannica per il Turismo, nell’ultima graduatoria ha messo fuori l’Italia dai maggiori mercati di riferimento di Walking Tourism . Al primo posto per gli inglesi ci sono Irlanda e poi a seguire Francia, Spagna, la Scandinavia , il Nepal , l’India , il Sud America , il Canada , la Nuova Zelanda , Africa . Dell’Italia, si salvano solo le Alpi ma del resto non c’è traccia.

Va ribaltato il concetto passato delle Marche distrutte e pericolose, con le Marche una regione forte, sicura, ospitale, che ce la fà, da sostenere anche in questo momento di difficoltà: serve una forte campagna di informazione e di promozione per un rilancio turistico delle città e dei borghi della costa e dell’entroterra, rassicurando sulla possibilità di visitare tranquillamente le nostre zone e usufruire senza alcuna limitazione delle nostre strutture ricettive. E’ la strategia dell’assessorato regionale al Turismo, che ai turisti dice: “Venite nelle Marche, non abbiate paura”. Perché purtroppo, spiega l’assessore Moreno Pieroni, la percezione all’esterno è che tutte le Marche siano coinvolte nel sisma, si tende ad associare l’evento con l’intera regione, e “questa per noi è una grossa preoccupazione”. I dati, d’altra parte, parlano chiaro: “Nelle Marche, nel 2016, fino a settembre, il turismo era in crescita del 4-4,5%. Poi c’è stato il terremoto del 24 agosto, ora quello del 30 ottobre, e i dati sono in calo”. Si teme una rinuncia da parte dei turisti, e per questo la Regione, continua Pieroni, “ha rivisto la sua agenda turismo e sta ragionando su una promozione mirata, rilanciando non solo le zone colpite dal sisma, dove si punta sul turismo paesaggistico-naturalistico dei Sibillini, ad esempio, ma tutte le Marche”.

Enti pubblici, associazioni di categoria e privati sono già all’opera affinché sia possibile il rilancio turistico nella nostra Regione. A Jesi, è l’imprenditore jesino Daniele Crognaletti dell’agenzia Esitur a dare per primo uno scossone al turismo locale proponendo viaggi organizzati di incoming  per valorizzare le eccellenze del territorio.A partire dal Palio di San Floriano di Jesi, manifestazione in grado di attirare ogni anno in città fino a 60 mila visitatori. Per chi è alla ricerca di un viaggio nel passato e, in particolare, nel Medioevo, visitare Jesi a maggio è la scelta giusta. Esitur si propone di convogliare in città turisti amanti delle tradizioni e delle bellezze storiche e paesaggistiche attraverso l’offerta turistica “Marche Medievali: Jesi e il Palio di San Floriano. Tre giornate interamente dedicate alla scoperta del Medio Evo partendo da Jesi, con visita nei luoghi che hanno dato i Natali a Federico II per poi proseguire nel Duomo dedicato a San Settimio, Piazza della Signoria, Biblioteca Planettiana, Teatro Pergolesi e pomeriggio dedicato al Palio di San Floriano Edizione 2017. Il Palio è una rievocazione storica assai importante, che si svolge nel centro storico di Jesi: si potranno ammirare le gare di tiro con l’arco storico, le esibizioni di gruppi storici (tamburini, armati, arcieri, falconieri), i cortei storici dove tutti i partecipanti saranno rigorosamente in abito medievale; una ricostruzione del borgo medievale, con scene di vita del tempo e momenti di grande sacralità con messe in onore del Santo. E poi cena libera nelle Taverne allestite nel centro storico. Dopo cena, sempre in centro, si potrà assistere alla gara di tiro con l’arco tra i Comuni valida per l’assegnazione del Palio ed allo spettacolo pirotecnico finale. L’indomani, il viaggio prevede una tappa a San Vittore di Genga e alle Grotte di Frasassi con trasferimento nel pomeriggio a Fabriano e visita guidata del centro storico della città tra la Fontana Sturinalto, Palazzo del Podestà, Oratorio della Carità e Museo della Carta e della Filigrana.

 

.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*