Ripresa ancora lontana in Vallesina, timidi segnali positivi per l'artigianato | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Ripresa ancora lontana in Vallesina, timidi segnali positivi per l’artigianato

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il percorso di ripresa per l’artigianato della Vallesina non si è ancora avviato, il quadro complessivo si conferma di difficoltà, tuttavia si manifestano dei timidi segnali positivi che vanno consolidati. Servono interventi, ad azione immediata, capaci di ridare fiducia, prospettiva e futuro alle famiglie e alle nostre imprese – dichiara Giuseppe Carancini, Segretario Confartigianato Jesi – Restano infatti inalterati tutti quegli elementi critici che hanno impedito all’economia di ripartire e va inoltre considerato che in questi anni di crisi il sistema produttivo della Vallesina ha subìto una recessione pesantissima, che ha colpito in particolar modo il comparto manifatturiero, da sempre al centro del nostro modello di sviluppo. La ripresa è perciò tutta in salita, ma non impossibile: nonostante le difficoltà, non sono venute meno le aperture di nuove attività. Secondo una elaborazione dell’Ufficio Studi Confartigianato sulla base di dati Movimprese e Ufficio Statistico CCIAA Ancona, in Vallesina sono 32 le iscrizioni di attività artigiane al 30 settembre a fronte di 23 chiusure per un saldo positivo (+9). Dal confronto con l’analogo periodo dell’anno precedente si evince che mentre il trend delle aperture si è confermato pressoché costante (31 al III trimestre 2014), le cessazioni d’impresa, che al 30 settembre 2014 erano 30, hanno subìto una lieve flessione (-7). L’analisi dei comparti vede in territorio negativo il saldo delle costruzioni (-2), manifatturiero 4, servizi alle imprese 4 servizi alle persone 3. La piccola impresa, l’artigianato, il territorio vanno rafforzati, sostenuti e posti in condizione di migliorare e competere – continua Giuseppe Carancini Segretario Confartigianato Jesi – È quindi più che mai necessario che tutti gli attori dello sviluppo intensifichino l’impegno e la collaborazione per favorire il rilancio di una competitività di sistema. Troppi ostacoli bloccano la forza delle imprese. Servono incentivi, supporto all’innovazione, alleggerimento della pressione fiscale, pagamenti certi in tempi certi, investimenti sulla formazione con specializzazione delle competenze tecniche manageriali e di mercato per i giovani laureati, diplomati, titolari di impresa, l’eliminazione degli adempimenti burocratici inutili. Nell’edilizia, oltre ad appalti a misura di micro e piccola impresa, assume particolare valore il recupero e il riuso di quelle parti di città che hanno perduto la loro funzione originaria e che oramai sono abbandonate e investite da fenomeni di degrado fisico e ambientale. In risposta al calo del mercato interno, inoltre, lo sviluppo di adeguate politiche per favorire l’internazionalizzazione in termini di promozione commerciale all’export delle nostre imprese, può rappresentare un elemento strategico per il sistema produttivo della Vallesina e su di esso vanno concentrate attenzioni ed azioni sempre più concertate e sinergiche, per mantenere l’occupazione e creare occasioni di sviluppo.

Comunicato da: Confartigianato Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.