Risparmi azzerati, che fare? La risposta di Cittadinanza Attiva | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Risparmi azzerati, che fare? La risposta di Cittadinanza Attiva

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sono 44 mila gli azionisti e i risparmiatori vittime del Decreto Salva Banche, il provvedimento con cui il Governo ha deciso di porre rimedio alla crisi profonda di Banca delle Marche, Banca Etruria, CariChieti e CariFerrara. Sono questi i nomi dei quattro istituti di credito che, da tempo, erano sull’orlo della bancarotta, con bilanci pieni di sofferenze: il decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri «non prevede alcuna forma di finanziamento o supporto pubblico alle banche in risoluzione o al Fondo nazionale di risoluzione». Azzerate dunque le azioni dei risparmiatori e confinati i crediti deteriorati dei vecchi istituti in un’unica bad bank,nascono dunque quattro banche nuove – Nuova Cariferrara, Nuova Banca Etruria, Nuova Banca Marche e Nuova Carichieti – interamente possedute dal Fondo di risoluzione. Una manovra che ha messo in ginocchio i clienti che, possessori di azioni, per altro non quotate sul mercato, miravano ad un risparmio sicuro senza alcun intento di speculazione.
Per questo motivo, l’associazione dei consumatori Cittadinanza Attiva continua la propria attività di rivendicazione a difesa degli intessi dei piccoli azionisti di Banca Marche.


“Si tratta di imprenditori e risparmiatori che nella Banca avevano riposto denaro e, prima ancora, fiducia – spiega l’avv. Giancarlo Catani dello Studio legale Catani-Ricci di Jesi, consulenti convenzionati di Cittadinanza Attiva – Ora gli azionisti, ove non intervenga un qualche improbabile  provvedimento integrativo, una volta azzerato il vincolo societario , sono pienamente legittimati a tutelare le loro ragioni nei confronti di eventuali responsabili dei gravi danni subiti”.Ad aggravare dubbi e timori dei consumatori, l’entrata in vigore del Bail In, la normativa europea estesa a tutti gli istituti di credito che impone, in caso di default della banca, che a pagare saranno i privati. Niente più soldi pubblici alle banche, se non in casi davvero straordinari, dunque: in caso di crack, a pagare saranno nell’ordine gli azionisti, poi gli obbligazionisti e infine pure i possessori di un conto corrente, per la parte di depositi sopra i 100mila euro.Come tutelarsi dunque dal rischio futuro di vedere azzerati i propri risparmi e e quali misure può prendere il consumatore? “Grazie ad una convenzione con Cittadinanza Attiva, questo studio legale sta già portando avanti delle azioni legali per conto di alcuni ex soci Banca Marche danneggiati – spiega l’avv. Catani –  Il danno va recuperato nel miglior modo possibile, anche attivando procedimenti penali e civili nei confronti dei veri responsabili, ovvero vecchi amministratori e sindaci revisori di Banca Marche che avevano il  compito e la responsabilità di monitorare la situazione”.

Lo studio legale, a supporto dei risparmiatori colpiti, sta giá completando le prime iniziative programmate con un’azione collettiva entrò gennaio: “Auspichiamo che la Nuova Banca Marche sappia riconquistare la fiducia dei clienti come punto di riferimento per il territorio – ha aggiunto – Il Comune di Jesi ha già avviato una Commissione di studio sulla questione con lo scopo di approfondire danni e risvolti di questa crisi”.

 

(In foto: avv. Giancarlo Catani e avv. Antonella Ricci)

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.