Ritroviamo Castelbellino: «Impianto di spazzamento, il sindaco faccia chiarezza». | | Password Magazine

Ritroviamo Castelbellino: «Impianto di spazzamento, il sindaco faccia chiarezza».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO – «Perché il sindaco di Castelbellino non vuole l’impianto di spazzamento a Moie? Eppure non è stato fatto lo stesso rumore quando si ipotizzava di realizzarlo a Pianello Vallesina, nell’altrettanto comune limitrofo di Monte Roberto». A parlare è Ritroviamo Castelbellino, gruppo politico all’opposizione con a capo Federica Carbonari che interviene a seguito delle dichiarazioni del primo cittadino Andrea Cesaroni rilasciate alla stampa. La minoranza ha anche predisposto un’interrogazione per fare chiarezza.
«Se è vero che l’allestimento dell’impianto previsto nell’area della discarica ‘Cornacchia’ era stato precedente previsto in località Pianello, nell’alveo dell’Unione dei Comuni di Castelbellino e Monte Roberto, in area attigua proprio al nostro Comune – sostiene la Carbonari – , vorremmo conoscere per quali motivi tecnici, pratici ed economici, in quella particolare circostanza, il sindaco Cesaroni non abbia sollevato le stesse eccezioni». Secondo la ricostruzione dell’opposizione «la candidatura fu data all’ATA dall’ex sindaco di Monte Roberto Giampaoletti  – si legge nel documento – e  poi ritirata in virtù dell’impatto ambientale che lo stesso impianto avrebbe potuto causare». L’ipotesi di costruire l’impianto a Pianello aveva sollevato lo scorso anno numerose proteste da parte dei residenti. «Per quali ragioni – chiede la minoranza – si è optato per una differente e opposta opinione quanto alla possibilità di realizzazione dell’impianto stesso in comune, quello di Maiolati, comune limitrofo al pari di Monte Roberto?».
Il gruppo Ritroviamo Castelbellino si dice convinto che «tale struttura non debba proprio trovare collocazione nella provincia, neanche ad Ancona come suggerito dal sindaco, in quanto il territorio ha già dato fin troppo in tal senso. Comprendiamo anche che si sono interessi contrapposti,  confidiamo pertanto in una soluzione che possa tutelare sia il diritto alla salute dei cittadini sia le famiglie dei dipendenti Sogenus».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.