Roberto Benigni ad Apiro e a Jesi, è boom di adesioni per "Le Letture dell'Inferno" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Roberto Benigni ad Apiro e a Jesi, è boom di adesioni per “Le Letture dell’Inferno”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Oltre 600 richieste da parte di tutta la regione e non solo per il Convegno Internazionale di studi “Letture dell’inferno di Roberto Benigni” che farà tappa ad Apiro e a Jesi nelle giornate di sabato 6 e domenica 7 ottobre.

Roberto Benigni ritorna nelle Marche per partecipare al Convegno Internazionale di studi “Letture dell’inferno di Roberto Benigni” che si svolgeranno ad Apiro il 6 ottobre e a Jesi il 7 ottobre, nei rispettivi teatri cittadini. A seguito del grande successo del Convegno del 2015 fatto al Teatro Mestica di Apiro, il convegno quest’anno si svolgerà anche nella città di Jesi nel suo meraviglioso Teatro Pergolesi. E dunque, vari sono gli attori coinvolti nell’evento: l’amministrazione comunale di Jesi rappresentata dal sindaco Massimo Bacci e dall’assessore alla cultura Luca Butini; l’amministrazione comunale di Apiro rappresentata dal sindaco Ubaldo Scuppa e dall’assessore alla cultura Nadia Sparapani; il professore emerito di Letteratura Italiana presso l’Università Cattolica di Lovanio, Franco Musarra, la responsabile Area Amministrazione con deleghe di amministratore delegato della Fondazione Pergolesi Spontini, Lucia Chiatti.

La prima edizione nasce dalla volontà del professore Franco Musarra di celebrare i 750 anni dalla nascita del poeta fiorentino con un convegno a lui dedicato. La seconda edizione è un naturale prolungamento della prima, ma più in grande grazie alla collaborazione tra i due comuni e la Fondazione Pergolesi Spontini: l’iniziativa sarà presieduta dai massimi esperti della Divina Commedia provenienti dalle più prestigiose università italiane e straniere. I canti del poema dantesco saranno approfonditi e analizzati attraverso un programma ben preciso da ogni relatore e a coronamento di entrambe le giornate, il premio Oscar Roberto Benigni interpreterà il Canto VIII (degli iracondi e accidiosi) ad Apiro e il Canto XXVI (Canto di Ulisse) a Jesi.

Le due giornate del Convegno si terranno il pomeriggio dalle 14,30 e si avrà l’occasione di ascoltare Pietro Cataldi (Università per Stranieri di Siena); Daragh O’Connell (University College, Cork); Peter Kuon (Università di Salisburgo); Franziska Meier (Università di Göttingen); Andrea Robiglio (Università di Lovanio); Giulia Fasano (Università di Salamanca); Corinna Salvadori Lonergan (Trinity College, Dublino); Carlo Ossola (Collège de France, Parigi); Pasquale Guaragnella (Università di Bari), Alfredo Luzi (Università di Macerata); François Livi (Università di Paris IV Sorbonne); Rino Caputo (Università di Roma “Tor Vergata”); Lia Fava Guzzetta e Maria Luisi (Lumsa di Roma); Michela Mastrodonato (giornalista e scrittrice); Giulio Ferroni (Università La Sapienza di Roma); Stefano Jossa (Royal Holloway University of London); Carmen van den Bergh (Università di Leida); Lino Pertile (Harvard University). La performance di Benigni sarà a conclusione delle due giornate: alle 19.30 per la giornata di Apiro e alle 20.30 per quanto riguarda la città di Jesi.

L’iscrizione al convegno è gratuita e comprende il diritto di prelazione per assistere alla performance di Roberto Benigni di Apiro o Jesi. Ad oggi, le richieste di prenotazione sono state così numerose che con molta probabilità non ne verranno accettate di nuove. Ad ogni modo, grazie al coinvolgimento del main sponsor Trevalli Cooperlat, verrà allestito un maxischermo in Piazza della Repubblica per seguire in diretta lo spettacolo delle 20.30 di Benigni.

 

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il seguente sito http://turismo.comune.apiro.mc.it/ oppure alla biglietteria di Jesi al numero 0731-206888 o tramite email biglietteria@fpsjesi.com

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.