Robot al fianco dell'artigiano: a Jesi, nasce la piattaforma regionale industria 4.0 | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Robot al fianco dell’artigiano: a Jesi, nasce la piattaforma regionale industria 4.0

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La robotica collaborativa come metodo per combinare le potenzialità e capacità umane ai robot per automatizzare compiti che non era possibile automatizzare prime.

La Regione Marche, essendo leader nei settori della manifattura è caratterizzata da processi produttivi fortemente manuali che, spesso, sono usuranti della persona: i robot collaborativi, permettendo la coesistenza tra macchina e uomo, possono coadiuvare quest’ultimo in molte fasi dei processi manifatturieri.

In quest’ottica nasce la piattaforma regionale industria 4.0 che troverà sede presso il Consorzio Zipa di via dell’Industria, nei locali messi a disposizione dal Comune di Jesi. Un programma di innovazione e ricerca per un futuro digitale 4.0 capace di coniugare mondo accademico e impresa in un’ottica di rete e collaborazione. Il piano di sviluppo triennale prevede un investimento complessivo di 9 milione di euro che sarà realizzato, grazie al contributo della Regione Marche di 5,1 milioni di euro, da un’aggregazione pubblico privata composta da 23 soggetti che coinvolgerà, oltre al ditta Filipetti spa, capofila del progetto, anche l’Università Politecnica delle Marche, l’Università degli Studi di Camerino, il centro di innovazione e trasferimento tecnologico Meccano, la Fondazione Cluster Marche di Ancona e 19 imprese appartenenti a diversi settori dalla meccatronica all’agroalimentare, dal calzaturiero al settore dell’arredamento.

«Il Comune di Jesi, mettendo a disposizione i locali, è felice di poter accogliere questa iniziativa in un territorio dove da sempre si respira aria di innovazione» ha detto il sindaco Massimo Bacci, alla presentazione del programma, affiancato dall’assessore regionale alle Attività produttive Manuela Bora: «Battesimo per la piattaforma 4.0 capace di portare un contributo alle aziende, in termini di sviluppo e competitività per l’intera regione». Soddisfazione da parte di tutti gli intervenuti alla conferenza di presentazione tra cui il dottor Micol Filippetti (Filipetti srl), il prof. Michele Germani (Università Politecnica delle Marche) in sostituzione del rettore prof. Sauro Longhi, il prof. Claudio Pettinari, rettore dell’Università di Camerino, e la dottoressa Rosaria Ercoli, presidente della Fondazione Cluster Marche. Un progetto articolato in cinque linee di azione che porterà nelle Marche e, in particolare, a Jesi un Laboratorio e Centro di Competenza sulle tecnologie avanzate che va sotto il nome di I-Labs: con un piano di sviluppo settennale, il laboratorio ha l’ambizione di diventare un punto di riferimento non solo per il territorio regionale ma anche panorama nazionale ed europeo favorendo lo sviluppo di reti lunghe e collegamenti coordinati e stabili con le realtà nazionali ed europee. Il laboratorio, inoltre, fungerà da volano per la nascita e avvio di start up e spin off di ricerca.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.