Romina, parrucchiera di Jesi, scrive a Ceriscioli: «Noi siamo pronti per lavorare». | Password Magazine

Romina, parrucchiera di Jesi, scrive a Ceriscioli: «Noi siamo pronti per lavorare».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Il nuovo Decreto è stata una doccia fredda». Lo sfogo arriva da Romina Sommonte,  titolare del salone Hairsense di viale della Vittoria, a Jesi: «Non ce l’aspettavamo – racconta la parrucchiera, rispecchiando un po’ il pensiero di tutta la categoria – . La speranza era di poter riaprire se non subito almeno l’11 o il 18 maggio non certo a giugno. Per questo motivo, nonostante i due mesi di chiusura e le spese che aumentano, avevo iniziato ad investire per una possibile ripartenza». I primi acquisti hanno riguardato ordini di spazzole, chimoni monouso, ozonizzatore per sanificare l’ambiente: «Ero pronta, avevo anche il planning per organizzare gli appuntamenti con le clienti. Tutte erano già state avvisate sull’importanza di puntualità e rispetto delle distanze – continua Romina -. Insomma, ci avevo messo tutta la buona volontà…e invece è poi arrivata la notizia». Qualche giorno fa Romina si era anche rivolta a Ceriscioli, presidente della Regione, chiedendo delucidazioni sul settore. Poco prima del discorso di Conte, lui l’aveva rassicurata: «Ogni tassello sta tornando al suo posto – le aveva detto il Governatore -. Arriveranno presto le indicazioni del Governo e noi ci stiamo preparando».  In risposta lei aveva ribadito: «Da persona addetta ai lavori le posso garantire che con tutte le dovute precauzioni possibili possiamo tornare a lavorare».

Il Governo però non la pensa così: centri estetici, parrucchieri e acconciatori, insieme a bar e ristoranti, dovranno attendere il 1° giugno: «Potrebbe essere troppo tardi per le piccole attività che hanno dipendenti e spese da affrontare, come bollette e affitto – continua -. Sono già due mesi che stiamo chiusi. Perché aprire biblioteche e musei o addirittura parchi dove i bambini possono trasmettersi il virus mentre a noi non viene concessa la possibilità di aprire in sicurezza?». Romina si è confrontata anche con il consigliere regionale Gianluca Busilacchi: «Lo ringrazio perché anche lui in questi giorni mi ha ascoltata ed ha cercato di darmi una mano».

Questa mattina Ceriscioli ha trasmesso sui social un messaggio per la categoria: «Proviamo a individuare un protocollo che garantisca la massima sicurezza. Le associazioni di categoria sono d’accordo. Non faccio questioni di fughe in avanti, ma solo di sicurezza. Vogliamo verificare se è possibile accorciare i tempi».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.