Romina, parrucchiera, scrive ad Acquaroli: «Chiusura ingiusta, settore penalizzato» | Password Magazine

Romina, parrucchiera, scrive ad Acquaroli: «Chiusura ingiusta, settore penalizzato»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
milano fashion week

JESI – Fanno sentire la loro voce i parrucchieri ma anche i centri estetici, chiusi in zona rossa mentre intorno tutto il mondo sembra continuare a scorrere, nonostante le restrizioni governative.
Con l’hashtag #parrucchieriessenziali, sui social si grida alla riapertura di queste attività ritenute appunto essenziali al benessere psicofisico sia dagli utenti che dagli addetti ai lavori. 

Esattamente un anno fa, quando stare chiusi in casa era una novità per tutti per far fronte comune al virus, Romina Sommonte, titolare dei Parrucchieri Hairsense, aveva scritto al Governatore delle Marche di allora, Luca Ceriscioli, per chiedere la riapertura dei saloni dichiarando «da persona addetta ai lavori le posso garantire che con tutte le dovute precauzioni possibili possiamo tornare a lavorare». E la sua richiesta aveva avuto seguito con l’impegno di Ceriscioli nel verificare la possibilità di riaprire presto i saloni di parrucchieri, facendo da apripista anche alle altre regioni.

E anche in questo lockdown, Romina Sommonte interpella direttamente l’attuale Presidente delle Regione Marche Francesco Acquaroli, ricevendo anche questa volta risposta. «Il presidente – racconta Romina – mi ha confermato in un messaggio l’impegno nel confronto con il Governo per far ripartire il settore, fin troppo penalizzato».

Per Acquaroli la speranza è «di rivedere la nostra regione in zona arancione nella prossima settimana (ma non voglio creare illusioni) -si legge nella comunicazione ricevuta da Romina – anche se dovremo comunque attendere la risposta da parte del Governo che arriverà nella giornata di venerdì. Purtroppo, noi come regione non abbiamo la facoltà di attuare ordinanze più permissive quindi in questo ultimo mese non ci è stato possibile far nulla di più per far riaprire le vostre attività. Ciò non toglie che per tutto il periodo ho continuato ad avere confronti con il Governo e spero di vedere presto qualche risultato a riguardo».

C’è soddisfazione da parte della Sommonte che spera, come tutti i suoi colleghi, di riaprire il prima possibile anche per scongiurare la diffusione dell’abusivismo. «Ho scritto anche al nuovo presidente di regione, spinta dalla tanta ingiustizia che ho visto questa volta – dichiara Romina Sommonte appena ricevuta la risposta da Acquaroli. Ci hanno fatto chiudere senza un motivo. Avevo bisogno di fare capire il mio punto di vista».

Cosa è cambiato oggi rispetto al primo lockdown?

«È cambiato tutto. Prima eravamo tutti a casa, adesso è davvero imbarazzante vedere quante persone sono in giro. Le mie clienti sono indignate, sanno benissimo che noi nei nostri saloni rispettiamo le regole e non sono d’accordo con queste restrizioni».

Intanto, è in atto la petizione online lanciata da Confartigianato e Cna in merito alla necessità di far tornare a lavorare le imprese del benessere dopo la chiusura forzata in zona rossa decisa con il DPCM del 2 marzo. Come è stato indicato nell’articolo https://www.leggopassword.it/parrucchieri-ed-estetisti-una-petizione-online-per-ripartire/, sono 4098 le imprese del benessere nelle Marche, di cui circa 3mila acconciatori e oltre 1000 estetiste, che danno lavoro a 15mila addetti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.