Rosora entra nell'Unione. Delibera approvata all'unanimità

MAIOLATI SPONTINI – Il Consiglio dà il via libera all’ingresso di Rosora nell’ Unione dei Comuni della Media Vallesina. Dopo il parere positivo della Giunta, arrivato nei giorni scorsi, l’assemblea dell’organismo sovracomunale, riunitasi lunedì scorso a Maiolati Spontini, ha fatto segnare un ulteriore passo avanti nell’allargamento dell’Unione a otto Comuni.

Ad essere già riunite, per la gestione di importanti servizi, sono le amministrazioni di Maiolati Spontini, Castelplanio, Castelbellino, Monteroberto, Montecarotto, San Paolo di Jesi e Poggio San Marcello. La delibera del comune di Rosora cambia il quadro degli organismi sovracomunali nella Vallesina anche perché prevede che il piccolo centro receda dall’attuale ente di appartenenza, cioè la Comunità montana dell’Esino-Frasassi, proprio per entrare a far parte dell’Unione dei comuni della Media Vallesina.

Il presidente dell’Unione Sandro Barcaglioni ha ribadito, anche di fronte al Consiglio, la proprio soddisfazione. “Credo fortemente nell’associazionismo e già nel 2000 – ha detto – sollecitai in maniera formale, con una lettera, i Comuni aderenti al Cis a realizzare un’Unione della Vallesina, quando sembrava un’idea lontana e irrealizzabile. E’ con grande soddisfazione, quindi, che ho accolto, insieme a tutta la giunta, la richiesta di Rosora di entrare a far parte dell’Ente, che ho l’onore di guidare da un anno e mezzo”.

L’uscita definitiva dalla Comunità montana e l’ingresso nell’Unione arriveranno, per Rosora, solo dopo il recepimento della delibera, oltre che da parte dell’Unione, anche della Giunta regionale delle Marche. Nel frattempo, il Comune ha chiesto di “concludere con l’Unione dei Comuni una o più convenzioni per l’esercizio in forma associata delle funzioni fondamentali della Polizia municipale, della Polizia amministrativa locale, del catasto, della pianificazione della Protezione civile e del coordinamento dei soccorsi, oltre ad altre funzioni e servizi che sono o saranno gestiti dall’Unione dei Comuni della Media Vallesina”.

Nella delibera, Rosora motiva la scelta fatta spiegando come “nel corso degli anni le funzioni svolte dalla Comunità montana Esino-Frasassi hanno progressivamente ridotto il loro valore ed apporto al territorio di questo Ente. D’altro canto, il comune di Rosora ha sviluppato forme di collaborazione con Comuni non facenti parte della Comunità montana per la gestione associata di servizi di notevole rilevanza (servizi sociali, gas, energia, rifiuti solidi urbani, igiene ambientale)”. Ma non solo. “Il Comune ritiene di aderire all’Unione dei Comuni della Media Vallesina – si legge sempre nella delibera – per ragioni di coerenza tra gli ambiti territoriali di gestione dei suddetti servizi e quelli relativi agli Enti sovracomunali di appartenenza”.

Il presidente Barcaglioni ha ricordato come Rosora “collaborasse già con l’Unione nella gestione di un servizio importante e molto apprezzato dalla popolazione come il Trasporto sociale”, e inoltre sottolinea come “la Legge 135/2012 rende obbligatorio per i Comuni fino a 5 mila abitanti gestire, o attraverso convenzioni o tramite Unioni di Comuni, le funzioni fondamentali individuate dalla stessa legge. Una possibilità che è giusto e direi obbligatorio cogliere. Entro il prossimo 31 dicembre ci siamo posti, infatti, l’obiettivo di riunire tre funzioni fondamentali, ossia la Polizia locale e amministrativa, già attribuita all’Unione, il catasto e la Protezione civile”.

Fra i servizi già gestiti in maniera associata dall’Unione ci sono il servizio statistica, il ricovero cani randagi, la derattizzazione e disinfestazione del territorio, le colonie marine, il trasporto sociale e l’Università degli adulti.

Comunicato da: Unione dei Comuni della Media Vallesina

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*