Rotary Club Jesi e il progetto Homograft | Password Magazine

Rotary Club Jesi e il progetto Homograft

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Da 1300 a 1700 interventi l’anno. Non sono numeri legati al covid ma i bambini indiani che potranno essere gratuitamente operati con l’apertura di un nuovo laboratorio all’ospedale Sri Satya Sai a Raipur, in India. Un risultato ottenuto grazie al progetto Homograft organizzato dal Rotary Club di Jesi tramite i fondi raccolti dalla Rotary Foundation e grazie alla collaborazione con altri enti, sia locali che internazionali, e potrà aumentare le risorse interne per assistere i bambini con problemi cardiaci.

Nella conferenza online organizzata dal Rotary sono state spiegate le modalità e il percorso che le varie organizzazioni coinvolte hanno intrapreso per portare a termine il progetto: finanziare l’ospedale indiano per migliorare la produzione di ossigeno grazie a un nuovo laboratorio, senza ricorrere ad acquisti da terzi. Ed è stato un successo. Sono stati raccolti 182’000 dollari, molto di più della cifra attesa. Lo hanno spiegato durante l’incontro il presidente del Rotary Club Jesi Marco Pozzi, cardiochirurgo pediatrico, la governatrice di distretto del Rotary Rossella Piccirilli, la responsabile della cardiologia pediatrica di Raipur dall’India Pandey Ragini e la presidente del Soroptimist di Jesi, Katia Mastantuono, per il sostegno alla iniziativa giunto, al di fuori del Rotary, tra i primi, dal club delle Soroptimiste jesine.

Ideato, sviluppato e portato avanti con determinazione dal presidente del Rotary jesino, il cardiochirurgo Marco Pozzi, che ne aveva illustrato i contenuti anche in occasione della conferenza stampa presso la sala Consiliare del Comune di Jesi, il progetto – “Global Grant” nel gergo rotariano – aveva già raccolto l’adesione convinta di circa 45 club del Rotary tra Italia, Usa e India, nonché il sostegno del Soroptimist International, con i club di Liverpool e quello di Jesi.
Ora, il sogno è divenuto realtà e grazie a Jesi, il nuovo laboratorio potrà realizzarsi, salvando veramente la vita di tanti piccoli pazienti.

«Grazie di cuore per il vostro aiuto. Con il vostro sostegno possiamo salvare letteralmente vite umane» dice Ragini. «Siamo uno dei pochi ospedali gratuiti a disposizione di tutti, soprattutto delle famiglie che non hanno possibilità economiche. I vostri fondi ci servono per risparmiare sull’acquisto di bombole d’ossigeno da altre aziende e invece di produrlo nei nostri reparti. Ci serve produrre valvole cardiache e al momento siamo in difficoltà. Con questo progetto invece possiamo aumentare sia l’ossigeno prodotto direttamente da noi che il numero di interventi al mese, che vuol dire salvare vite, vite di bambini. In pratica, possiamo risparmiare denaro per altre necessità e aumentare l’attività chirurgica». E i numeri lo confermano.

Come precisa il presidente del Rotary jesino Pozzi «all’ospedale Sri Satya Sai il numero di interventi si alza da 1300 a 1700 all’anno con 4 sale operatorie attive grazie alle nuove valvole “le Homograft”, che danno anche il nome al nuovo laboratorio -, e con quasi 12 interventi chirurgici in più a settimana: solo col laboratorio per ossigeno potremo operare 36 bambini in più all’anno.  Va ricordato che nelle attuali circostanze, in India, per i bambini delle famiglie povere o c’è questo o si muore». Un aiuto utile soprattutto in tempi di covid, dove le risorse per assistenza medica non legata alla pandemia scarseggiano. «È stato un lavoro enorme – ha dichiarato il presidente del Rotary jesino – sono stato anche in India a mie spese, per visitare l’ospedale di Raipur e rendermi conto della situazione. Il nostro club ha contribuito con dei fondi propri, messi a disposizione sia durante la presidenza del mio predecessore Mauro Ragaini, sia durante la mia. Ho poi trovato, personalmente, altri sostenitori esterni, ma il Rotary, attraverso la Rotary Foundation, ha fatto la differenza, con il contributo più importante, ampliato, dai 130.000 dollari iniziali, sino alla cifra di 182.000, per comprendere, oltre alla banca Homograft, il laboratorio per la produzione di ossigeno medicale».

Soddisfatta la governatrice Piccirilli, che non ha escluso di tradurre l’invito alla inaugurazione dei due laboratori in un grande evento mediatico, teso a sensibilizzare la pubblica opinione.

Il progetto è stato possibile grazie a un’azione sinergica di più partecipanti. «Oltre al Rotary Club di Jesi hanno partecipato anche quello di Fort Wayne (Indiana, Stati Uniti, in maniera consistente) più altri 43 Rotary – fra Italia, India e Stati Uniti -, l’associazione Soroptimist International di Jesi e di Liverpool. Katia Mastantuono ha spiegato che nonostante Soroptmist sia un progetto rivolto alla difesa delle donne, proprio perché «per un bambino malato c’è una mamma che soffre, ci siamo sentiti in dovere di intervenire e partecipare al progetto. Volevamo dare voce, come facciamo anche nel locale, nella zona jesina, voce a un territorio».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.