Rotary Jesi, successo dell’evento dedicato alla formazione

JESI – Giornata intensa, quella di martedì scorso al Circolo Cittadino in occasione della presentazione del libro “Richiamo all’Europa”, edito da Tecnodid. Organizzata dal Rotary di Jesi, ha visto la partecipazione dell’assessore regionale all’Istruzione Loretta Bravi, della onorevole e già europarlamentare Luciana Sbarbati e del Governatore Rotary Distretto 2090, Gabrio Filonzi. Più che un semplice lancio, si è trattato di un momento di riflessione, animato dal più autentico spirito di servizio in stile Rotary. Relatori di spicco hanno sviscerato, prendendo le mosse dallo studio condotto dalle autrici Rosa Seccia, Leonilde Maloni e Gianna Prapotnich, i più vari aspetti del mondo della formazione nell’odierno contesto europeo. Gli interventi, scanditi dalla sapiente regia del prof. Graziano Cucchi dell’Università Politecnica delle Marche, moderatore dell’incontro, hanno dato il segno non solo dei punti forti e deboli del sistema, ma anche delle opportunità che il contesto comunitario possono offrire, se ben conosciute e sfruttate. In serata la conviviale, cui hanno aderito anche componenti del Club di Senigallia del Rotary, si è animata con l’assegnazione di due importanti riconoscimenti, conferiti alle eccellenze locali in ambito di studio e impresa. Infatti, la commissione Premio Laurea, presieduta da Graziano Cucchi, ha premiato Luigi Battiloro, neolaureato in Scienze Giuridiche Applicate presso l’ateneo jesino, evidentemente commosso: «Vorrei ringraziare i miei genitori, il Rotary e la Fondazione Colocci, per la vicinanza dimostrata durante tutto il mio percorso di studi». Gli ha fatto eco la presidente della Colocci, prof.ssa Paola Giombini: «Luigi è stato mio studente anche al liceo ed ha confermato il valore che già aveva brillantemente espresso allora». Analoghe parole di lode e soddisfazione hanno caratterizzato il saluto del prof. Giorgio Galeazzi, seppur lambite da un tocco di mestizia, per le incerte prospettive che caratterizzano il futuro dell’università a Jesi. Poi, è stata la volta del Premio Impresa, attribuito dalla relativa commissione, rappresentata dall’ing. Paolo Bifani, ad una azienda del territorio, priva di legami – come ha tenuto a chiarire Bifani – con il Rotary. Si è trattato della Grim srl, giovane e rampante impresa jesina, che produce e commercializza macchine agricole: «I nostri primi passi in questa avventura – ha spiegato l’amministratore delegato Roberto Binci, accompagnato dal direttore commerciale Marino Fiorani – li abbiamo mossi proprio negli anni della crisi, eppure il mercato ci ha premiati e la nostra è una realtà in crescita». Quando la serata sembrava volgere al termine, è arrivato il momento del Paul Harris Fellow, il sommo riconoscimento Rotaryano, conferito al past president Egiziano Iencinella: «Ritengo di avere solo dato il mio contributo – ha commentato – ma vivo con grande soddisfazione e gratitudine questo momento». Dopo la recente visita del presidente internazionale Rassin, giunto a Jesi in occasione dell’inaugurazione del centro polivalente Rotary Point Fenice di Arquata del Tronto, quella di martedì è stata senz’altro un’altra iniziativa di grande successo per il Club jesino presieduto dall’avv. Paola Duca e per l’intero Distretto 2090, guidato dal dott. Gabrio Filonzi. La conferma di un anno ricco di appuntamenti, sapientemente orchestrati dalla presidente Duca, che hanno avuto il merito e il pregio di rendere ancora più evidente e tangibile lo spirito di service rotaryano nei confronti della comunità locale e non solo. Il tutto nel segno della continuità e con un occhio puntato al futuro, come ben espresso dalla foto finale, composta dal trio Egiziano Iencinella – Paola Duca – Mauro Ragaini, ovvero past, current e incoming president. Il suono della campana ha siglato il termine di una intesa giornata.

A cura di Marco Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*